Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Spich Inglisch: musica, video e racconto partigiano

L'artista multimediale vincitrice del premio TU35 del Centro Pecci torna al Siena Art Institute per raccontare l'evoluzione del suo percorso artistico dopo l'esperienza senese

SIENA. Siena, Via Pendola 37, martedì 4 aprile 2017. Il calendario di StARTers – Assaggi d’Arte del Siena Art Institute si arricchisce di un appuntamento dedicato all’arte multimediale con Irene Lupi, artista vincitrice del prestigioso premio TU35 – Toscana Under 35 del Centro Pecci. Tra musica, video e installazione, questo evento a ingresso libero si concluderà, come da tradizione, con un aperitivo con vini del territorio.

Irene Lupi è ben conosciuta al Siena Art Institute, dove ha studiato per un semestre nel corso della residenza Above/Below Ground con Mark Dion ed Amy Yoes del 2013. In quel contesto un pinguino gonfiabile, parte dell’allestimento del Museo dell’Antartide di Siena, era stato innalzato a simbolo dell’impoverimento visivo nell’era dell’informazione non gerarchizzata tipica del web.

Un tema ricorrente nella produzione di Irene Lupi, e da lei già trattato in precedenza nel divertente cortometraggio SPICH INGLISCH – in cui due anziani leggono un testo in lingua inglese storpiandone, inevitabilmente, la pronuncia. A fronte della perdita di significato della lingua verbale, là era il linguaggio corporeo a veicolare l’espressione, l’affiatamento della coppia. Altre volte ancora, come nel vinile 12 pollici che è concretizzazione dell’opera d’arte musicale Fünfundertsechzig, il suono è il racconto della lotta politica di un ex-partigiano come resistenza giornaliera in una società dove la comunicazione è diventata forma di controllo.irene-lupi-foto

Memoria e comunicazione sono di nuovo al centro del lavoro dell’artista in EUROLIT, installazione site specific realizzata da Irene Lupi al Museo di Casa Masaccio nel 2015. Qui la riflessione è sulla tensione tra identità nazionale, locale ed europea a cui è sottoposto ogni cittadino dell’Unione. Con ironia, Irene Lupi immagina un farmaco miracoloso – Eurolit, appunto – composto di ansiolitici e stabilizzatori dell’umore, che con una sola somministrazione renda felicemente e acriticamente europei per il resto della vita.

Appuntamento dunque per martedì 4 aprile alle 18.00 presso il Siena Art Institute in Via Tommaso Pendola 37 con Irene Lupi. L’incontro si concluderà con un aperitivo.

INGRESSO LIBERO – PRESENTAZIONE IN ITALIANO CON RIASSUNTO IN INGLESE