Inizia la lavorazione di “Benedetta” di Verhoeven

Inizia la lavorazione di "Benedetta" di Verhoeven. Porta al Prato è il set del film “Benedetta”: come cambia la viabilità

MONTEPULCIANO.  Paul Verhoeven “gira” a Montepulciano. La notizia che il regista di Basic Instinct abbia scelto la città, e in particolare la monumentale Porta al Prato, per ambientare una scena del suo prossimo film, è ormai di dominio pubblico.
Olandese, ottant’anni da compiere proprio sul set, mercoledì 18 luglio, regista, produttore e sceneggiatore, autore di pellicole di notorietà mondiale come anche RoboCop, Atto di forza ed il recente Elle, che gli è valso il premio Golden Globe, Verhoeven è impegnato ora nella realizzazione di “Benedetta”. E la lavorazione a Montepulciano interesserà l’intera giornata di giovedì 19 luglio.
Il film (titolo originale “Blessed Virgin”), è ambientato in Italia, nel ‘600, e ruota intorno alla figura di una giovane suora, Benedetta Carlini, che è interpretata da Virginie Efira; nel cast figura anche Charlotte Rampling.
La preparazione scenica della porta d’accesso al centro storico di Montepulciano ha suscitato notevole curiosità, soprattutto per l’installazione di un massiccio portone di legno che ha incontrato immediatamente il favore dell’opinione pubblica. Attraverso i social network (ma anche rivolgendosi direttamente all’Amministrazione Comunale) numerosi sono stati i cittadini che hanno chiesto che la porta rimanga sui grandi cardini di ferro per la capacità che ha di evocare la Montepulciano del passato. L’ipotesi è allo studio insieme, ovviamente, ad una comunicazione che spieghi, senza equivoci, la contemporaneità del manufatto e la sua provenienza cinematografica. D’altra parte è noto che i set continuino ad essere meta di visite anche dopo l’ultimo ciak e dunque il portone griffato-Verhoeven potrebbe diventare anche un elemento di richiamo per i cinefili.
Montepulciano si appresta dunque a vivere non solo l’atmosfera del set, che si preannuncia popolato di comparse e di animali che dovranno ricreare la vita in una cittadina di quattro secoli fa, ma anche una piccola “rivoluzione” della circolazione. Mercoledì 18 sarà effettuata una prova della scena e quindi dalle 15 alle 18.00 circa il traffico, anche pedonale, attraverso Porta al Prato potrà subire rallentamenti e anche brevi interruzioni. Giovedì 19 saranno aperte due “finestre” per il carico e scarico delle merci e per il transito dei residenti e degli autorizzati ad accedere alla ZTL, dalle 7.00 alle 8.30 e dalle 13.00 alle 14.00. Per consentire a tutti gli aventi diritto di raggiungere le proprie destinazioni all’interno delle mura, il Comune ha disposto lo spegnimento dei varchi; quindi tutte le porte saranno libere, soprattutto per gli abitanti del primo tratto del Corso, quello maggiormente interessato dalle riprese.
Durante la lavorazione anche il flusso pedonale potrà essere rallentato o fermato. Per entrambe le giornate, invece, non saranno disponibili alcuni parcheggi in Viale Sangallo, Piazza Don Minzoni, Via di Ciliano, Piazzale di Sant’Agnese e, nel centro, di Piazza Savonarola. Il percorso del Pollicino, il servizio di trasporto urbano, sarà deviato su itinerari esterni al Centro Storico. Vista la complessità della lavorazione, soprattutto in relazione al luogo che la ospita, gli operatori di Polizia Municipale garantiranno una presenza particolarmente assidua.