Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Geotermia: lettera aperta agli amministratori amiatini

I Comitati invitano a disertare l'inaugurazione di Bagnore 4

AMIATA. Esiste una montagna verde, piena di boschi, animali selvatici e tante persone che la abitano e la vivono, ed esistono delle multinazionali che su quella montagna hanno fatto e vogliono fare dei buchi per fare soldi.
Questi buchi provocano danni alla salute delle persone che la abitano, agli animali e alle acque, alla montagna tutta intera. Al di là dei giri di parole e degli scaricabarile, ci sono due parti in campo: da una parte le multinazionali con i loro buchi ed i loro profitti, dall’altra parte le persone, gli animali, la montagna tutta, con le sue ricchezze.
Esistono momenti in cui ognuno è chiamato a scegliere una parte, a decidere, ad essere partigiani. Noi, pensando ai nostri figli, alla terra dove abitiamo, alle attività economiche, alle ricchezze naturali, culturali e sociali, noi che
vogliamo vivere e vivere felici, una parte l’abbiamo scelta. Il governatore della regione ha scelto l’altra.
Non è possibile lasciare in mano alle multinazionali e al partito trasversale degli affari il futuro e la vita della nostra montagna. È necessario che gli amministratori si prendano sino in fondo la responsabilità. La responsabilità di un cambio di rotta forte per tutto il territorio amiatino. La visione di un territorio non è un discorso economico che riguarda pochi privilegiati, ma dei progetti con una prospettiva per tutti a impatto zero.
È necessaria una difesa del paesaggio, dell’ambiente e della salute perché è quello che gli amministratori sono chiamati a fare.
Invitiamo quindi gli amministratori a boicottare la cerimonia di inaugurazione del mostro di Bagnore 4 prevista per Lunedì 25 Luglio, dando un segnale positivo e una presa di posizione pubblica nei confronti di speculatori e complici.

Agorà CittadinanzAttiva
Associazione terrAmiata
Comitato Fumarole
MaremmAttiva
No Geotermia Seggiano