Arci, Anpi e Cgil Siena riaccendono i riflettori sulla nave Acquarius

Giovedì 22 novembre incontro a Castelnuovo Berardenga con Alessandro Porro, soccorritore di Sos Mediterranée

CASTENUOVO BERARDENGA.  “Navi umanitarie. Il racconto di un’esperienza”. E’ questo il titolo dell’iniziativa in programma giovedì 22 novembre, alle ore 17.30, a Villa Chigi Saracini a Castelnuovo Berardenga, che vedrà protagonista Alessandro Porro, soccorritore di Sos Mediterranée e nei mesi scorsi a bordo della nave Acquarius, bloccata dal governo italiano con divieto di ingresso nei porti del nostro Paese. Porro racconterà la sua esperienza intervistato da Jacopo Storni, giornalista de Il Redattore Sociale e Corriere della Sera. L’iniziativa è promossa da Arci, Anpi e Cgil Siena con il patrocinio del Comune di Castelnuovo Berardenga.

L’appuntamento punta a tenere accesi i riflettori sulla questione dei migranti e sulle navi di salvataggio impegnate nel Mediterraneo con il contributo di associazioni e ONG. Insieme ad Alessandro Porro, sarà ricostruita la vicenda della nave Acquarius, che lo scorso giugno portò all’organizzazione del presidio #apriteiporti anche a Siena per chiedere al governo italiano di aprire i porti e di accogliere i migranti rispettandone i diritti umani. L’iniziativa a Castelnuovo Berardenga sarà anche l’occasione per capire quale è la situazione attuale della nave Acquarius, che sta continuando ad aiutare i migranti che affrontano il viaggio nel Mediterraneo alla ricerca di una vita migliore e per stimolare una riflessione e un dibattito su ruolo e futuro delle navi umanitarie.