Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Approvato il progetto definitivo per la strada di Terrensano e Belcaro

Il Consiglio comunale adotta la variante al Regolamento Urbanistico

SIENA. Nella seduta di oggi, il Consiglio comunale ha approvato il progetto definitivo per la messa in sicurezza di un tratto della strada comunale di Terrensano e Belcaro, con la conseguente adozione di variante al Regolamento Urbanistico (RU).

“I lavori – ha risposto l’assessore ai lavori pubblici Sara Pugliese – si rendono necessari a seguito dello smottamento avvenuto il 6 novembre 2016 dopo forti precipitazioni che hanno provocato il cedimento di parte della Strada Comunale di Terrensano e Belcaro al km 0+500 causando l’interruzione della stessa. Da allora la strada, dopo i primi interventi urgenti, è ristretta ad una sola corsia discendente, con divieto di transito in salita, a causa della diminuzione della sezione stradale”.

Lungo la stessa strada, a seguito di alcuni dissesti avvenuti nel febbraio 2014, sono già stati eseguiti alcuni interventi di messa in sicurezza, in corrispondenza del versante soprastante, con opere di rafforzamento corticale, attive e passive, per il consolidamento generale delle 5 zone a maggiore instabilità e per il contenimento di possibili crolli, e riaperta al transito alla fine dell’estate 2016 dopo i lavori finanziati con i fondi del dissesto idrogeologico della Regione Toscana.

“Nel caso in esame – ha proseguito Pugliese – lo smottamento del 6 novembre 2016 ha provocato lo sviluppo di due aree di frana differenti a poca distanza l’una dall’altra a valle della strada. In particolare, l’evento franoso si è sviluppato per un totale di circa 600mq di superficie ‘franata’, ma il materiale è stato trasportato per oltre 40 metri oltre il piede del versante.

L’attuale versante è in prevalenza naturale con presenza di arbusti, tuttavia, in corrispondenza dello stesso erano già stati installati dei gabbioni metallici che sono stati in parte coinvolti nello smottamento del 6 novembre 2016. Il dissesto ha infatti causato anche la deformazione e la frattura dei gabbioni di pietra esistenti, posizionati ai piedi della scarpata in adiacenza all’area di frana.

La soluzione scelta consiste nel ripristino della strada con realizzazione di un’opera di sostegno tramite esecuzione di terre armate su un basamento in gabbioni metallici, riempiti di pietrame”.

Come ha evidenziato l’assessore “il progetto definitivo era già stato approvato in linea tecnica per la ricerca di finanziamento, tuttavia mai arrivato dalla Regione. Il Comune ha quindi deciso di finanziarlo con fondi propri, con la possibilità di recuperare, comunque, alcune somme dai nuovi DODS della Regione (Documenti Operativi per la Difesa del Suolo), che vengono aggiornati ogni anno, una volta completato il progetto esecutivo.

Adesso è necessario approvare il progetto definitivo in Consiglio Comunale perché con le opere si occuperanno alcune aree private (campi coltivati, campi incolti e scarpate, oltre alle sedi stradali comunali), sia in forma provvisoria durante i lavori sia in forma definitiva con le gabbionate e le terre armate. Di conseguenza è necessaria l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio e l’adozione della variante urbanistica per rendere conforme l’intervento”.

Ai fini urbanistici viene inserita quindi una vera e propria ‘reticolarità di progetto  RP79’, perché ci troviamo in territorio aperto, fuori dal centro urbano.

L’intervento prevede un costo complessivo di 550mila euro di cui circa 400mila per lavori e il resto per IVA, espropri, spese tecniche e  imprevisti.

Una volta approvata dal Consiglio Comunale la delibera verrà pubblicata sul BURT e dopo un mese, se non verranno presentate osservazioni, si potrà procedere con l’avvio della procedura espropriativa e, a seguire, con l’approvazione del progetto esecutivo.