Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Pareggio esterno per la Robur a Vercelli: 1-1

PRO VERCELLI-ROBUR SIENA 1-1

PRO VERCELLI: Nobile (29’st Moschin), Berra, Mammarella, Sangiorgi, Germano, Gatto M. (19’st Emmanuello), Milesi, Bellemo, Azzi (24’pt Gatto L.), Crescenzi, Morra. All. Grieco. A disp. Comi, Schiavon, Mal, Grillo, Volpe, Auriletto, Iezzi, Foglia, Gerbi. 

ROBUR SIENA: Melgrati; Pedrelli, Romagnoli, D’Ambrosio, Zanon; Arrigoni, Gerli (36’st Sbrissa), Vassallo (24’st Bulevardi); Guberti (36’st Fabbro); Aramu (24’st Cesarini), Gliozzi (41’st Cianci). All. Mignani. A disp. Comparini, Gorini, Varga, Rossi, Esposito, Imperiale, Chiossi. 

Arbitro: Andrea Colombo (Como). Assistenti: Gianluca Sartori (Padova) e Giovanni Mittica (Bari). 

Marcatori: 11’pt Berra, 6’st Gerli

Ammoniti: Guberti, Milesi, Gliozzi, Berra, Zanon

SIENA. Michele Mignani ha commentato in sala stampa la sfida con la Pro Vercelli: “Siamo venuti a giocare qua dopo il recupero di martedì che avevamo perso malamente, e questo potenzialmente poteva lasciarci delle scorie. Il gol che abbiamo subito dopo 10 minuti poteva aumentare queste scorie nella testa dei ragazzi, pero’ il primo tempo è stato equilibrato e le due squadre si sono affrontate a viso aperto, stando accorte tatticamente cercando di annullare l’avversario: probabilmente la Pro ha meritato il vantaggio anche se alla fine abbiamo avuto anche noi alcune occasioni, come il colpo di testa di Gliozzi. Nel secondo tempo la squadra è entrata in campo, magari liberata di alcuni pensieri, ha fatto bene gestendo buona parte della frazione, creando i presupposti per vincere la partita dopo aver pareggiato. Da una parte c’è il rammarico per non aver vinto su un campo importante contro una squadra forte, dall’altra c’è la consapevolezza di essere venuti a giocare qua con personalità e abbiamo fatto un punto che ci teniamo stretti. Nell’intervallo ho detto ai ragazzi che era una partita che potevamo tranquillamente raddrizzare, che dovevamo crederci e mettere in campo voglia e personalità, di provare a riprenderla. Fisicamente stiamo bene, infatti nel secondo tempo siamo cresciuti. Guardiamo a noi stessi, dobbiamo cercare di fare più punti possibili, pensiamo già alla prossima anche perchè finalmente avremo la possibilità di lavorare in maniera più regolare”.