Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

La Robur ne rifila 4 all’Albissola

Sotto di un gol, i bianconeri reagiscono alla grande

ROBUR SIENA-ALBISSOLA 4-1

ROBUR SIENA: Contini; Brumat, D’Ambrosio, Rossi, Zanon (20’st Imperiale); Sbrissa, Arrigoni, Vassallo (33’st Guberti); Aramu (33’st Fabbro), Di Livio (20’st Cristiani); Gliozzi (27’st Cianci). All. Mignani. A disp. Cefariello, Nardi, De Santis, Romagnoli, Russo.

ALBISSOLA: Piccardo, Mahrous (1’st Rossini), Balestrero, Cais (25’st Russo), Martignago (25’st Silenzi), Sibilia (32’st Raja), Calcagno, Oukhadda, Gargiulo, Oprut, Nossa. All. Bellucci. A disp. Bambino, Albertoni, Sancinito, Bezziccheri, Oliana, Bartulovic, Damonte, Gibilterra.

Arbitro: Matteo Gualtieri (Asti). Assistenti: Luca Dicosta (Novara) e Khaled Bahri (Sassari).

Marcatori: 32’pt Martignago, 45’pt Gliozzi (rig.), 3’st Rossi, 19’st Arrigoni, 47’st Cianci

Ammoniti: Di Livio, Mahrous, Russo

Espulsi: Gargiulo

Note: 1978 abbonati, 259 paganti (7 ospiti). Incasso 13584 euro (compresa quota abbonati)

SIENA. Al termine della partita questo è stato il commento di Michele Mignani: “Ci aspettavamo un avversario che provava a difendersi basso, nel primo tempo non abbiamo avuto grosse difficoltà nel girare palla semmai nel trovare soluzioni nell’area di rigore dell’Albissola. Siamo comunque arrivati due volte al tiro da fuori area, soluzione da utilizzare in questi casi, ed abbiamo preso un gran palo sulla punizione di Aramu. E’ vero Gargiulo ha commesso un’ingenuità in occasione del rigore, pero’ ne abbiamo commessa una anche noi che poteva compromettere il risultato. E’ stata una partita in equilibrio nel primo tempo, aver fatto gol nella ripresa ci ha spianato la strada, complice anche la superiorità numerica. Non è facile per nessuno affrontare squadre che si difendono così basse, l’Albissola ha vinto a Novara, ha pareggiato con il Pisa e ha perso a 5 minuti dalla fine con l’Entella: è organizzata, bene allenata e con giocatori di prospettiva, sta facendo il suo percorso. A Siena purtroppo funziona così, dopo 3 minuti e 50 secondi su un giro palla difensivo c’era già del mormorio: non capisco e continuo a non comprendere alcuni atteggiamenti dall’esterno. Questi ragazzi vanno sempre in campo dopo aver fatto un duro lavoro e con la volontà di fare il meglio, siamo una squadra giovane che sicuramente commette errori e li commetterà fino alla fine del campionato ma lavoriamo sodo e proviamo a proporre calcio, giocare spesso non ci ha permesso di dare continuità al lavoro. Abbiamo voglia di fare un campionato di buon livello, se qualcuno ci vuol dare una mano dall’esterno lo accettiamo, altrimenti saremo da soli, anche se la curva ha cantato tutta la partita, fino alla fine”.

Le parole di Tommaso Arrigoni al suo primo gol in bianconero: “Mi sono liberato di un piccolo peso, è sempre bello segnare soprattutto se arriva la vittoria. Anche nel primo tempo abbiamo dettato noi i tempi, loro sono ripartiti due volte e in un’occasione Luca (Zanon, ndr) purtroppo è scivolato e hanno segnato. Abbiamo giocato solo noi, è stata una partita a senso unico. Quando subisci gol un po’ di timore può venir fuori pero’ abbiamo reagito benissimo e alla fine ci siamo meritati il pareggio, poi siamo rientrati nel secondo tempo convinti di vincere la partita, e lo abbiamo dimostrato. Ci vuole equilibrio, siamo una squadra giovane, che ha bisogno di tempo, con ottime individualità. Siamo una squadra forte, lo abbiamo dimostrato stasera e anche con Pisa, Entella e Pro Vercelli: abbiamo fatto 13 punti in 6 partite, non sono pochi, è un bel ruolino di marcia”.

Le parole di Lorenzo Di Livio: “Il tiro nel primo tempo? C’ho provato, ho visto lo spiraglio, è stato anche bravo il portiere. Mi mancava il campo, sono sempre a disposizione del mister, ieri mi ha fatto capire che avrei giocato: spero di aver dato una mano alla squadra, anche se all’inizio la partita non si era messa bene. Sono soddisfatto della mia prestazione e soprattutto di quella della squadra. Mi sono trovato bene con Tommaso (Arrigoni, ndr), mi guida spesso da dietro, la collaborazione è fondamentale nel gioco di squadra. Mi sono divertito oggi, e questa è stata la cosa positiva, la squadra si è divertita e quando ti diverti fai sempre bene”.