Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Sinalunghese stellare: battuto 2-1 lo Zenith Audax

Rossoblu ad un solo punto dalla vetta della classifica

SINALUNGA. La Sinalunghese, nel momento più delicato della stagione, tira fuori dal cilindro la prestazione perfetta, e batte 2-1 lo Zenith Audax in una partita dominata in lungo e in largo dai rossoblù, e il cui risultato poteva assumere contorni ben differenti rispetto a quello finale, non fosse stato per le parate di Evi e l’imprecisione dei padroni di casa.

Marmorini, all’ultimo minuto, ha dovuto rinunciare a Redi, vittima di un attacco influenzale, e così a scelto Doka Bjorn a far coppia con Gerardini per supportare bomber Pluchino. Esordio dal primo minuto per Papa, nel ruolo di terzino sinistro, e autore di una grandissima prestazione fatta di personalità e qualità in entrambe le fasi.

La Sinalunghese ha condotto la gara fin da subito, creando la prima occasione dopo due minuti, con un traversone perfetto di Meoni dalla destra su cui prima Cerofolini non è riuscito ad arrivare, mentre successivamente Doka non è riuscito a chiudere a rete una ghiotta occasione. A provarci poi è Pluchino, che al volo da 30 metri ha sfiorato il gol della domenica, ma in sostanza la Sinalunghese non è mai stata impensierita dallo Zenith, e anzi ha accarezzato il vantaggio in altre numerose circostanze, ancora con i tentativi di Cerofolini, Gerardini e Camillucci, quest’ultimo decisamente sfortunato nel vedersi deviato da un difensore all’altezza dell’area piccola un tiro al volo che si sarebbe infilato all’angolino basso senza scampo per Evi, sugli sviluppi di uno schema da corner.

Nel secondo tempo la musica non è cambiata, con Gerardini che dopo una manciata di secondi è andato vicino al gol con un sinistro insidioso uscito di centimetri alla sinistra del portiere. È il preludio all’1-0, che arriva su un calcio di rigore ineccepibile guadagnato da un sontuoso Pietrobattista: ad incaricarsi della battuta è il solito Pluchino, che non lascia scampo a Evi e sigla il suo undicesimo gol in campionato.

La Sinalunghese, sulle ali dell’entusiasmo, continua ad attaccare a spron battuto, con trame di gioco tanto raffinate quanto efficienti, come quella che porta al tiro Gerardini, smarcato dal prezioso velo di Camillucci dopo una serie di triangolazioni; è questo il momento migliore della gara della Sinalunghese, coronato con il 2-0 di Doka, capace di inventarsi un eurogol dal vertice dell’area di rigore, da cui scarica un destro di controbalzo che si insacca all’incrocio dei pali opposto.

A questo punto la Sinalunghese deve solo controllare la partita, e lo fa magistralmente fino al minuto quaranta, quando gli ospiti alla prima occasione della gara trafiggono Marini e riaprono il match: grande imbucata di Picchianti per il neo entrato Ferraro, che di prima mette alle spalle del numero uno locale.

Negli ultimi minuti lo Zenith, rivitalizzato dalla segnatura, prova a spingere sull’acceleratore per agguantare un clamoroso pareggio, ma nonostante un colpo di testa di Silva Reis di poco a lato la Sinalunghese resiste fino al triplice fischio, tra il tripudio generale della foltissima tribuna del Carlo Angeletti.

I pareggi di Badesse e Porta Romana permettono alla formazione di Marmorini di conquistare il secondo posto solitario, ad una sola lunghezza dalla vetta della classifica, occupata dall’armata senese.