Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

La Sinalunghese si fa raggiungere dal Valdarno sul 2-2

Nicholas Redi

SINALUNGHESE -VALDARNO 2-2

Sinalunghese (4-3-3): Marini; Leti (31’ st Squarcia), Menchetti, Fanetti, Meoni; Pietrobattista (40’ st Bardelli), Minocci, Cerofolini (14’ st Capogna); Gerardini, Doka Bjorn(35’ st Pluchino), Redi. A disposizione: Vadi, Baldassarri, Miele, Doka Brent, Kokora. All. Marmorini

Valdarno (4-3-3): Lampignano; Mirante, Gualandi, Giustini (44’ st Fani), Lovari; Bega, Muho, Sesti (32’ st Zapparata); Bastianelli, Traversari, Servillo (13’ st Morrison). A disposizione: Noferi, Gori, Biagini, Bencini, Kostner, Bettoni. All. Benesperi

ARBITRO: Stefano Giordano di Grosseto

RETI: 32’ pt Gerardini, 17’ e 40’ st Bastianelli, 33’ Redi

Ammoniti: Gerardini, Giustini, Muho

SINALUNGA. Sembrava fatta per la Sinalunghese, a cinque minuti dal fischio finale, ma i ragazzi di Marmorini non avevano fatto i conti con bomber Bastianelli, che ha tirato fuori dal cilindro un destro di prima intenzione che ha trafitto l’incolpevole portiere rossoblù, fissando il punteggio sul definitivo 2-2.

Parte dalla fine il racconto di Sinalunghese-Valdarno, partita emozionante giocata magistralmente da entrambe le squadre e impreziosita dalle giocate dei singoli.

La Sinalunghese, reduce anche dal turno infrasettimanale di Coppa vinto ai rigori contro i cugini del Foiano, non è partita al meglio, e così il Valdarno si è impadronito del possesso palla e ha creato molteplici occasioni da rete, ottimamente sventate dai miracoli di Marini, davvero insuperabile nella prima frazione. Da segnalare, su tutti, la parata a mano aperta sul destro a botta sicura di Bastianelli, ma anche l’ottimo intervento sul primo palo a sventare il tiro di Servillo.

Valdarno anche sfortunato con Traversari che, allo scoccare del trentesimo, ha lasciato partire un destro che si è spento sul palo, a Marini battuto.

Nel momento di maggiore difficoltà per la Sinalunghese, tuttavia, è salito in cattedra Pietrobattista, con un filtrante calibrato sui piedi di Gerardini che col destro ha battuto Lampignano e portato in vantaggio i padroni di casa.

Il gol ha dato la sveglia ai ragazzi di Marmorini, che dopo l’1-0 hanno iniziato ad alzare il proprio baricentro e a ritrovare fiducia nel possesso palla e nella gestione della gara.

Così, al rientro dagli spogliatoi, i rossoblù hanno cominciato così come avevano terminato la prima frazione, e dopo neanche venti secondi su schema da calcio d’inizio Gerardini si è ritrovato sul sinistro il pallone della doppietta, ma il tiro impreciso si è spento oltre la traversa.

Dopo un quarto d’ora è arrivato il pareggio ospite con Bastianelli, bravo a intercettare come un falco un pallone che vagava all’interno dell’area di rigore sugli sviluppi di una punizione. Inizia, da questo momento, il Mirante-show: il terzino destro del Valdarno, di gran lunga il migliore dei suoi, confeziona un assist al bacio per il neo entrato Morrison, che però spara a lato.

Sul ribaltamento di fronte, la Sinalunghese ritrova il vantaggio: lo firma Redi, con un destro da capogiro che è girato sotto al sette dell’incolpevole numero uno ospite. Un gol da cineteca per il giocatore più talentuoso dei rossoblù, che si ripete dopo la rete decisiva segnata in Coppa contro il Foiano.

Il 2-1 sembrava aver tagliato le gambe agli ospiti, ma ancora una volta Mirante è partito dalla sua metà campo, seminando il panico tra i difensori locali e servendo la sfera per l’eurogol di Bastianelli, che da fuori area ha lasciato partire un destro a giro di prima intenzione finito all’angolino basso della porta difesa da Marini.

La Sinalunghese, in pieno recupero, ha l’ultima occasione per ribaltare di nuovo la gara, ma dopo una stupenda combinazione Capogna-Pluchino-Gerardini, il sinistro del numero undici termina di poco alto.

I rossoblù di Marmorini, nel terzo turno di campionato, se la vedranno con il Porta Romana, corsaro contro la Colligiana. Il tecnico della Sinalunghese potrà contare forse sul ritorno di Camillucci, che andrà ad infoltire e a dare qualità ad una linea mediana già comunque molto positiva nelle prime uscite di questa stagione.