Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Crespi "Avellino un campo veramente difficile"

La mens Sana parte alla volta dell'Irpinia per il match della 9a giornata di campionato

di Umberto De Santis

SIENA. Sembra proprio che Daniel Hackett non lascerà la Mens Sana Basket per rispondere alle sirene turche del Galatasaray: così sono suonate delle dichiarazionirilasciate dal playmaker  alla stampa locale. Vista la risposta in crescita della squadra sul campo, con intatte tutte le probabilità di superare il turno di Regular Season e un secondo posto  lusinghiero in campionato, tutto volge per il meglio per il gruppo di Crespi che sfodera un invidiabile serenità. Anche il rientro di Spencer Nelson dopo l’infortunio alla spalla contribuisce, ovviamente. Stamattina, sabato, consueto allenamento, in vista del prossimo impegno che vedrà i bianco verdi scendere al PalaDelMauro di Avellino per la nona giornata di andata contro la Sidigas (domani ore 18.15). Per chi non si potesse recare in Irpinia, c’è la diretta di Canale Tre Toscana.

Nel pomeriggio il gruppo mensanino partirà alla volta della Campania, quindi tocca al tecnico Marco Crespi delineare il match che si andrà ad affrontare contro una squadra e un ambiente tosti (come si verificò il lunedì di Pasqua nella scorsa stagione in cui Avellino vinse 75-70 con coach Pancotto in panchina: “Ad Avellino ci aspetta una partita difficile. La qualità e le ambizioni delle squadra di Vitucci sono conosciute da tutti. Grandi accelerazioni con le tre guardie, Lakovic, Cavaliero e Spinelli, che giocano aggressivi dal palleggio in ogni situazione. Due giocatori interni, Ivanov e Thomas,  che come coppia ha il numero di possessi più alto del nostro campionato e due ali che sanno segnare in diversi modi, Richardson e Hayes. Veniamo dalla vittoria contro lo Zielona, dove il nostro merito è stato stare sempre nella partita anche nei momenti difficili. Ho visto e ascoltato i giocatori, sereni e con il desiderio di fare una partita di qualità contro un avversario di altissimo livello”.