Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Coppa Italia: il punto e… a capo del basketball

di Carlo Fabbricatore
 
SIENA. La Reyer Venezia ha vinto la Coppa Italia con pieno merito, sconfiggendo in finale un’ottima Happy Casa Brindisi. I veneziani hanno offerto delle straordinarie prestazioni difensive che sono state decisive nelle vittorie contro Bologna e Milano. Avevo pronosticato la Reyer mina vagante della manifestazione e così è stato. Malgrado una partenza a singhiozzo in campionato sarà una grande protagonista dei Playoff: è il club più vincente degli ultimi anni (2 Campionati e una Coppa Italia) e chi ha già vinto ha la consapevolezza di potere rivincere. 

Walter De Raffaele, discepolo di Carlo Recalcati, è la dimostrazione che un coach anche non glamour può essere vincente: la semplicità al potere! Walter ha sapientemente alternato la difesa a uomo con coriacee zone (Cardaioli docet) che hanno letteralmente mandato in tilt gli attacchi delle squadre avversarie. Voto 10 al team e al club. Brindisi non è stata capace di ripetere la straordinaria prestazione offerta in semi finale contro la Fortitudo Bologna: voto 8 per la seconda finale consecutiva.

Le grandi deluse: Virtus Bologna e Olimpia Milano. La Virtus Segafredo ha giocato una pessima partita contro Venezia. La giornata orribile al tiro di Teodosic è stata decisiva per la sconfitta malgrado uno strepitoso Markovic che ha fatto pentole e coperchi. Bologna non sta attraversando un momento di grande forma e la sospensione del campionato potrà servirle per ricaricare le batterie.

L’Olimpia A|X Milano ha proseguito nel trend negativo di quest’ultimo mese: molle in difesa e farraginosa in attacco. Soltanto a tratti la squadra di Messina è riuscita a mettere in mostra il suo enorme potenziale. Male gli italiani che non riescono a dare un contributo adeguato a eccezione di un positivo Cinciarini. Dei milanesi da salvare Tarczewski e in parte Scola mentre da Rodriguez e Micov ci si aspetta molto di più. Ennesimo infortunio patito da Nedovic che a mio avviso è il grande equilibratore della squadra: la sua assenza in Euroleague potrebbe essere un problema nella sfida con il Khimki.

Buona Pallacanestro a tutti

Coppa Italia 2020

Quarti di finale (13/14 febbraio):

Virtus Bologna – Reyer Venezia 81-82

Olimpia Milano – Vanoli Cremona 86-62

Dinamo Sassari – Happy Casa Brindisi 86-91

Germani Brescia – Fortitudo Bologna 73-76

Semifinali (15 febbraio):

Reyer Venezia – Olimpia Milano 67-63

Happy Casa Brindisi – Fortitudo Bologna 78-53

Finale (16 febbraio):

Reyer Venezia – Happy Casa Brindisi 73-67