Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Con la Juve Pontedera il Costone cede nel finale

JUVE PONTEDETA-COSTONE SIENA 72-60

JUVE PONTEDERA: Redini 1, Meucci 5, Tessitori 23, Doveri D. 14, Doveri S. 10, Lucchesi 6, Ceccarelli ne, Gorini 2, Paoli 9, Foschi, Gasperini 2, Pugliesi ne. All. Bandieri

VISMEDERI COSTONE SIENA: Ceccatelli 5, Chiti G. 10, Bruttini 21, Angeli 4, Catoni 2, Monnecchi 7, Panichi 7, Chiti L. 4, Zani, Carpitella ne, Aiello ne, Picchi ne. All. Braccagni

ARBITRI: Barbarulo e Venturini

Parziali: 16-14, 30-34, 47-43

SIENA. Ancora a ranghi incompleti il Costone nel bunker di Pontedera fa quello che può, lottando con grande generosità, ma non basta. Una prima frazione in cui Siena cerca di contenere lo strapotere nel pitturato da parte di un Tessitori che svetta dall’alto dei suoi 208 centimetri, mentre la pressione difensiva sul perimetro sembra funzionare. Bruttini mette da subito nel mirino il canestro avversario, così come Giulio Chiti che da sotto punge; ma anche i padroni di casa non sono da meno con le bombe dei fratelli Doveri.

I senesi nel 2° quarto si fanno più audaci, tanto che alla pausa lunga i padroni di casa sono attardati di 4 lunghezze. Che diventano 11 al 23’ (30-41), quando il gialloverdi si fanno intraprendenti con delle belle giocate. Ma l’illusione dura ben poco e la reazione di Pontedera non tarda ad arrivare: Ceccatelli si carica di falli, così come Giulio Chiti e Siena ha un blackout, tanto che al 28’ canestro dopo canestro, Pontedera ottiene la parità (43-43), per poi allungare a fine 3^ frazione, grazie a un parziale di 17-2. L’ultimo periodo vede gli uomini di coach Bandieri ancora impegnati in una difesa box and one su Bruttini (57-47 al 34’) e match praticamente chiuso, con Pontedera che nella battute finali controlla il gioco a suo piacimento.