Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Virtus sconfitta da Domodossola nella sfida-salvezza

LA SOVRANA PULIZIE VIRTUS SIENA – VINAVIL-CIPIR DOMODOSSOLA 63-78

(22-13; 39-34; 56-62)

VIRTUS SIENA
: Simeoli, Bianchi 1, Olleia 16, Nepi 14, Maccaferri 3, Gnecchi 2, Imbró 7, Pucci 10, Casoni 8, Falchi ne, Ndour, Stepanovic 2. All. Tozzi

DOMODOSSOLA: D’Andrea 15, Avanzini 12, Rovere 17, Buldo, Ballabio 17, Fornara 14, Marzullo 3, Patani, Manzo, Bellia ne. All. Valli

SIENA. Termina con una sconfitta per la Virtus la sfida salvezza contro la Vinavil-Cipir Domodossola, che espugna il PalaCorsoni per 63-78 al termine di una partita dai due volti per i rossoblu: bene nel primo tempo, avanti nel punteggio e con il pieno controllo della partita e black out nel secondo, dove invece gli ospiti sono riusciti ad imporre il proprio gioco.

LA PARTITA – Ottimo avvio per i ragazzi di coach Tozzi, che prendono subito il vantaggio con i canestri di Olleia e Imbrò (16-9). La difesa rossoblu è ottima e concede pochissimo agli ospiti, mentre in attacco la Sovrana Pulizie continua ad appoggiarsi ad Olleia che crea gioco per sé e per i compagni, permettendo alla Virtus di chiudere la prima frazione in vantaggio 22-13.
Nel secondo quarto i virtussini controllano la partita, mantenendo il vantaggio senza però mai riuscire a dare lo strappo decisivo, a causa anche di alcuni errori banali: dopo aver mantenuto la doppia cifra di vantaggio per gran parte del primo tempo, sul finire del secondo periodo Domodossola guadagna molti falli e dalla lunetta riesce a tornare sul -5 (39-34).
È una Vinavil molto più fiduciosa quella che entra in campo nel terzo quarto; la Virtus apre i giochi con il canestro del +7 di Pucci, ma gli ospiti con un parziale di 0-7 impattano grazie a un canestro di Ballabio e passano in vantaggio con due liberi di Avanzini. Il contraccolpo psicologico è importante e la Virtus si blocca, permettendo a Domodossola di toccare il +7 grazie a Fornara, D’Andrea e Rovere, sicuramente i migliori tra le fila degli ospiti. La Virtus prova a reagire e ferma il parziale degli ospiti, e con una tripla sulla sirena di Maccaferri da oltre centrocampo chiude il terzo quarto sul -6 (56-62).
Proprio quando sembrava che l’inerzia potesse essere tornata dalla parte dei rossoblu l’attacco della Virtus si blocca: i virtussini non riescono più a segnare e Domodossola, pur senza costruire granché a livello offensivo, allunga fino a toccare la doppia cifra di vantaggio. Siena segna soltanto 7 punti nell’ultima frazione, sterilità offensiva che li condanna alla sconfitta finale per 63-78.
Una sconfitta che fa male perché Domodossola, con questa vittoria, torna a mettere il fiato sul collo ai rossoblu, che restano avanti di 2 punti in classifica ma con entrambi gli scontri diretti a favore della Vinavil che quindi, in caso di arrivo a pari punti, si posizionerebbe davanti alla Virtus.

Prossimo impegno per i ragazzi di coach Tozzi sabato 30 alle 21 in casa della capolista Paffoni Omegna

Fotogallery di Augusto Mattioli