Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

L’Apf Costone supera Livorno ma non la differenza canestri

IL DRAGO E LA FORNACE APF COSTONE SIENA-JOLLY ACLI LIVORNO 44-43

APF COSTONE SIENA: Barbucci 6, Dragoni 11, Oliva 5, Nardi 10, Bonaccini 4, Renzoni, Malquori, Riccobono 8, Bastianoni, Sardelli ne, Sabia ne, Corbini ne. All. Fattorini

JOLLY ACLI LIVORNO: Tripalo 11, Puccini 6, Collodi 13, Bindelli 2, Maffei 5, Ceccarini 4, Simonetti, Castiglione 2, Dodoli ne. All. Pistolesi

ARBITRI: Buoncristiani e Natucci

Parziali: 13-15, 27-26, 33-36

SIENA. Con un artigliata dell’aquilina Claudia Barbucci a 5” dal termine, Siena fa piangere il Jolly Livorno che può contare però su una migliore differenza canestri (-5 all’andata). Tutto si deciderà quindi nell’ultimo turno, quello di sabato prossimo a Lavagna. Le labroniche sicuramente più esperte, hanno prodotto una difesa molto aggressiva che ha costretto le padrone di casa ad azioni di gioco sempre macchinose e poco incisive. Anche le bianconere hanno fatto sentire il fiato sul collo delle avversarie, ne è scaturito un confronto serrato, dove si è segnato poco, come lo dimostra il punteggio finale.

Parte male la squadra di Fattorini (0-6’ al 3’), ma all’8’ la bomba di Oliva scrive l’11-10. Da qui in avanti match sempre in equilibrio con Siena che prova a scappare al 17’ (25-17), grazie a un break firmato da Nardi. Abili però le labroniche a ricucire lo strappo che si riduce a un punto all’intervallo. Nella ripresa Livorno sembra intenzionato a fare il colpaccio e chiude sul +3 al 30’. Le ragazze di Fattorini sembrano in crisi, ma dapprima impattano sul 38-38 al 35’, per poi scivolare di nuovo sul -3 (40-43 al 38’). Ci vuole una magia di Riccobono che dal perimetro non perdona, poi ecco il fantastico assolo di Barbucci che fa esplodere il PalaOrlandi, con la meritata gioia che culmina nello spogliatoio senese.