Il Costone sfiora il successo a Quarrata

DANY QUARRATA-VISMEDERI COSTONE SIENA 74-72

Parziali: 38-33, 56-54

DANY QUARRATA: Vettori 8, Biagi 18, Toppo 27, Catalano 4, Vannoni 3, Bargiacchi 10, Guerrini 2, Cannone 2, Tesi, Riccio, Bracali ne. All. Valerio

VISMEDERI COSTONE: Ceccatelli 9, Bruttini 17, Tognazzi 28, Chiti G. 2, Benincasa 7, Angeli, Chiti L. 7, Catoni 2, Panichi, Ricci. All. Braccagni

ARBITRI: Melai e Puocci

SIENA. Il Costone lotta fino all’ultimo, ma la vittoria arride a Quarrata che nei momenti decisivi ha avuto più freddezza nei tiri dalla lunetta (75% contro il 59% dei senesi). Peccato perché la squadra di Francesco Braccagni aveva ben interpretato la gara, impostandola a intermittenza su ritmi veloci che in più di una circostanza hanno messo in difficoltà i padroni di casa, che, quando sono volati sul +12 del 24’ (47-35), sembravano avere la partita in mano. Invece i gialloverdi non si sono mai dati per vinti e con grande pazienza, ma soprattutto con una buona difesa, sono riusciti a risalire la china, fino a giocarsi la gara punto a punto nelle concitate fasi finali. Ma andiamo con ordine: buona la partenza di Siena che chiude la 1^ frazione sul +5, ma all’intervallo la situazione è capovolta. Benincasa rientra da un lungo infortunio, ma la sua la dice, specialmente sul break sostanziale che riporta il Costone sul 54-52 del 27’. Da qui in poi si assiste a un match molto combattuto, con Quarrata in chiara difficoltà all’inizio dell’ultimo quarto, con quelle 5 palle perse consecutivamente che proiettano il Costone avanti di 4 (56-60 al 33’). Il contropiede senese è letale, ma i locali, sorretti da Biagi e con un Toppo difficilmente contenibile, riacciuffano la parità al 34’ sul 60-60, per poi allungare sul 69-63 del 36’. Quando ormai sembra tutto compromesso, ecco ancora una rabbiosa reazione da parte dei ragazzi di Braccagni che a 1’25” dal termine si portano sul 71-70 grazie a un Tognazzi davvero scatenato (mvp della gara). Poi succede di tutto: Angeli non sfrutta un doppio tentativo dalla lunetta che poteva valere il sorpasso a 20” dalla sirena e sulla rimessa senese risulta vano il tentativo di trasformazione, così che Biagi subendo fallo, dalla lunetta non fa sconti. In 12” c’è ancora il tempo per un’incursione di Ceccatelli (73-72), poi è Toppo (1 su 2 nei liberi) a fissare il risultato finale sul 74-72, con Bruttini che viene annullato nell’ultimo disperato tentativo.