Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Il Costone ospita la capolista Prato

La partita è un crocevia importante per il proseguio del cammino in campionato

SIENA. Il Costone ha interrotto la striscia vincente sul campo di Pontedera, dove nello scorso turno ha rimediato una dolorosa sconfitta, figlia delle alte percentuali al tiro fatte registrare dai padroni di casa. La pattuglia di Braccagni però è già pronta a dare nuovamente battaglia iniziando dal confronto che la vedrà impegnata contro la capolista Sibe Prato.

Una gara sicuramente non facile visto che i capofila del girone toscano viaggiano con il vento in poppa e anche nell’ultimo turno si sono sbarazzati abbastanza facilmente del fanalino di coda Brusa Livorno. L’ultima sconfitta di Prato (fino adesso 3 in totale) risale al 12 gennaio scorso in occasione della trasferta di Carrara con la CMB; gli altri due passi falsi sono giunti sempre in trasferta, prima a Fucecchio poi a Quarrata. Inutile dire che Prato detiene il miglior attacco del girone (77,8 punti di media a partita) e la terza miglior difesa, dopo quelle di Quarrata e Colle. Numeri che possono incutere timore a chiunque, ma i gialloverdi sono consapevoli del fatto che la gara, come la prossima contro la SBA Arezzo, sempre casalinga, rappresentano un crocevia importante per il proseguio del cammino in campionato.

La situazione attuale vede i senesi occupare l’ottava posizione in coabitazione però con la Meloria Livorno che vanta nei confronti del Costone la doppia vittoria negli scontri diretti. Dovrebbe rientrare anche Vittorio Tognazzi che si è fermato, saltando anche Pontedera, a causa di una brutta contusione a un fianco rimediata in occasione del match contro la CMB Carrara. Ecco, il Costone visto all’opera in quella circostanza è una squadra che non ha avversari da temere, quindi c’è da sperare che conceda un bis, e senza essere troppo esosi, anche un tris in vista di questo doppio impegnativo esame.

Arbitreranno la gara Canistro della sezione di Firenze e Natucci della sezione di Lucca.