Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Ancona spezza i sogni delle ragazze del Costone

APF COSTONE SIENA-BASKET GIRLS ANCONA 38-42

APF COSTONE SIENA: Barbucci 14, Dragoni 6, Nardi 5, Bonaccini 2, Renzoni 1, Oliva 5, Riccobono 3, Sardelli 2, Corbini, Bastianoni ne, Malquori ne, Sabia ne. All. Fattorini

BASKET GIRLS ANCONA: Pierdicca 4, Nociaro 5, Marinelli 2, Ruggeri, Yusuf, Castellani 20, Palmieri 1, Bolognini 3, Takrou 5, Markova 2, Morelli ne, Koshanin ne. All. Piccionne

ARBITRI: Leggiero e Morra

Parziali: 7-9, 18-21, 30-32

SIENA. Svanisce il sogno del Costone di approdare alla finale per la promozione in A2, Ancona vince anche gara-2, dimostrandosi più ostica del previsto. Brave le marchigiane a opporre una difesa ferrea che ha chiuso ogni varco alle senesi. Ma al di là di questo risultato, che va accettato sportivamente in quanto le ospiti hanno meritato di passare il turno, rimane indelebile la bella avventura senese, fatta di tanto coraggio, tenacia e intraprendenza.

Nel return match contro Ancona, forse è mancata la giusta lucidità; troppo contratte le padrone di casa, che, sino dalle battute iniziali, hanno collezionato una serie incredibile di errori, anche banali, a contatto con il ferro. Impietose le biancorosse di coach Piccionne, che hanno approfittato di queste incertezze per gestire il confronto a proprio piacimento.

Dopo le prime due frazioni in cui l’equilibrio è stato pressoché costante, il Costonee, sorretto dal grande pubblico accorso al PalaOrlandi, ha tentato dopo la pausa lunga di mordere sul collo le avversarie, ma senza riuscirci. Con Ancona un po’ frastornata (2 soli punti in 7’), Barbucci e compagne sul 25-23 del 24’ non hanno saputo approfittare di questo momento, consentendo alle avversarie di ricucire il piccolo strappo. E’ di Ruggeri la tripla che interrompe il digiuno, consentendo ad Ancona di riprendere vitalità. Da qui in poi le ospiti hanno sempre controllato la gara, giungendo alle battute finali libere di mente.

“Non siamo riuscite a giocare con tranquillità – affermerà coach Fattorini a fine gara – e tutto è risultato più difficile. Siamo arrivati comunque dove nessuno lo avrebbe immaginato”.