Siena sfiora l’impresa a Modena

Il tie break decisivo condizionato da un rosso a Marouf

Foto Foschi

Azimut Leo Shoes Modena – Emma Villas Siena 3-2 (23-25, 25-22, 29-31, 25-22, 15-8)

AZIMUT LEO SHOES MODENA: Bednorz 4, Benvenuti (L), Pierotti, Van Der Ent, Rossini (L), Pinali 2, Zaytsev 20, Christenson 1, Anzani 8, Urnaut 20, Mazzone 7, Kaliberda 11, Keemink. Coach: Velasco. Secondo allenatore: Cantagalli.

EMMA VILLAS SIENA: Giraudo, Cortesia, Spadavecchia 11, Marouf, Giovi (L), Gladyr 10, Vedovotto, Mattei, Caldelli (L), Ishikawa 11, Fedrizzi 3, Johansen 2, Maruotti 13, Hernandez 26. Coach: Cichello. Secondo allenatore: Castellaneta.

Arbitri: Giorgio Gnani, Marco Braico.

Note – Azimut Leo Shoes Modena: percentuale in attacco: 49%; positività in ricezione: 56%; ricezioni perfette: 38%; ace: 6; errori in battuta: 18; muri punto: 4.

Emma Villas Siena: percentuale in attacco: 46%; positività in ricezione: 58%; ricezioni perfette: 33%; ace: 12; errori in battuta: 28; muri punto: 8.

Video Check: richiesto nel primo set da Modena sullo 0-1 e sul 22-21 e da Siena sul 2-2 (decisione cambiata) e sul 7-6 (decisione cambiata); richiesto nel secondo set da Siena sul 7-6; richiesto nel terzo set da Siena sul 30-29 (decisione cambiata); richiesto nel quarto set da Modena sull’8-4 e sul 21-18 e dal primo arbitro sul 24-21.

Durata del match: 2 ore e 16 minuti (30’, 27’, 34’, 31’, 14’). Spettatori: 4.744 di cui 3.557 abbonati. Incasso: 52.451 euro. Mvp: Urnaut.

SIENA. Siena lotta fino al quinto set: la sfida si chiude al tie break con Modena che si aggiudica l’incontro per 3-2. Ma il tie break è stato condizionato dalla decisione relativa all’infrazione e al cartellino rosso nei confronti del palleggiatore iraniano Saeid Marouf. La squadra biancoblu torna a casa con un punto in classifica e con tanta fiducia dopo un’altra buona prestazione: Fernando Hernandez chiude l’incontro come miglior realizzatore con 26 punti all’attivo.

Primo set Coach Velasco manda in campo lo statunitense Christenson in cabina di regia, Ivan Zaytsev opposto, Anzani e Mazzone centrali, Bednorz e Urnaut schiacciatori, Rossini in seconda linea a difendere. Cichello risponde con Marouf ed Hernandez sulla diagonale palleggiatore-opposto, Spadavecchia e Gladyr al centro, Ishikawa e Maruotti in banda, Giovi libero.

Siena parte forte con 3 punti di Vincenzo Spadavecchia, che inizia la sfida con le marce alte. I biancoblu conquistano un paio di punti di vantaggio, che Modena recupera quando Siena non gestisce al meglio alcuni attacchi. Bednorz dà a Modena il primo vantaggio, ma gli ospiti ribaltano tutto con due murate vincenti su Zaytsev e Urnaut. L’ace di Maruotti porta Siena sul +3 (6-9). Il vantaggio rimane invariato con il punto di Ishikawa e con l’errore di Zaytsev (9-12). Ishikawa da posto 2 colpisce nuovamente e rimedia dopo la murata subita Spadavecchia.

Hernandez è carico e dopo un attacco portato a termine realizza anche un ace favoloso (14-16). Il cubano continua a martellare (termina il primo parziale con 6 punti), ma Modena non ci sta e Zaytsev torna protagonista assoluto. L’azzurro deve realizzare un vero e proprio capolavoro per il punto del 21-20 in favore dei locali. Coach Cichello manda in campo in battuta anche Fedrizzi e Johansen e quest’ultimo strabilia il PalaPanini con due ace nel momento cruciale del set.

L’opposto argentino spara due servizi di fila proprio sulla riga di fondocampo: Siena esulta e si porta sul 22-24 con due set point in proprio favore. Il secondo è chiuso da Hernandez: 23-25.

Secondo set Modena reagisce alzando il ritmo del proprio attacco. Christenson cerca Zaytsev e l’azzurro non delude.  Maruotti è l’autore di due punti di pregevole fattura realizzati con ottimi tocchi, e Siena prova a tenere il passo degli emiliani. Dai nove metri Christenson spara l’ace del 15-12. Sull’asse Christenson-Urnaut giunge il punto del 16-13. Arriva però il parziale senese: 1-4 ed è parità con la murata di Spadavecchia su Bednorz e con la schiacciata in diagonale di Ishikawa. Gli ospiti difendono alla grande e Hernandez trova la forza per schiacciare il pallone che riporta avanti i biancoblu (17-18). Il set prosegue sul perfetto equilibrio ma stavolta l’ace nel finale lo realizza Tine Urnaut e i padroni di casa si portano sul 24-22. Il set viene chiuso da Kaliberda.

Terzo set Zaytsev ora colpisce a ripetizione mentre nel team senese crescono le percentuali offensive delle bande Ishikawa e Maruotti, entrambe protagoniste nell’avvio del terzo set. Urnaut gioca d’astuzia e in più di una circostanza beffa muro e difesa senese. Il numero 17 di Modena conferma le sue qualità anche dai nove metri e spara l’ace del 18-13. Spadavecchia realizza un ace e Maruotti va ancora a segno però Modena rimane avanti. I padroni di casa schiacciano palloni a terra con Kaliberda e con Zaytsev. Hernandez urla la sua gioia dopo il muro punto su Zaytsev che vale il 23-21. Sembra fatta per Modena e invece i locali sbagliano un attacco e poco dopo Fedrizzi è autore del servizio vincente che vale la parità (23-23). Urnaut schiaccia a terra con veemenza la palla del set point. Spadavecchia mura su Kaliberda il pallone del pareggio. Si va ai vantaggi con punti continui di Hernandez da una parte e di Urnaut e Kaliberda dall’altra. Ishikawa realizza l’ace del 29-30 ed Hernandez mette a segno il punto del 29-31.

Quarto set Modena conquista qualche punto di vantaggio nel quarto parziale. Bene sta andando Fedrizzi (in banda insieme a Maruotti) autore di un ace e di un muro vincente. Siena continua a difendere molto bene, i padroni di casa devono dare il meglio per poter andare a punto. Urnaut ci riesce per il 19-15 in favore dei padroni di casa, Hernandez riduce a 3 lunghezze lo svantaggio senese con il suo punto numero 21 in questo match. Ancora Hernandez: ace del 21-19. Il neo entrato Pinali realizza due punti di fila e Modena è sul 24-20. C’è tempo ancora per un punto di Hernandez e per un ace di Gladyr, prima dell’errore al servizio del centrale ucraino che chiude il quarto set sul 25-22.

Quinto set L’errore al servizio di Ishikawa e la schiacciata di Zaytsev danno il 2-0 a Modena. Kaliberda mette a segno il 3-0. La pipe di Ishikawa e Maruotti in diagonale riaprono tutto: 3-2. Di Mazzone il 4-2. Zaytsev ed Hernandez sbagliano il servizio (5-3). Gladyr finalizza la veloce (5-4). Urnaut sfonda la difesa senese (6-4). Il primo arbitro fischia fischia un’infrazione a Marouf e dopo le proteste del palleggiatore iraniano gli mostra il cartellino rosso. E così Modena si ritrova sul +4: 8-4. Anzani schiaccia poi il 9-4. A quel punto Urnaut e Zaytsev mettono a segno altri punti. L’ace di Zaytsev chiude il set sul 15-8 ed il match sul 3-2.