Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Rugby: il Cus è pronto per la sfida di Jesi

Gli avversari sono davanti in classifica

SIENA. Smaltita la comprensibile euforia – dopotutto non capita tutti i giorni di ospitare (e di battere) in un solo pomeriggio società titolate come L’Aquila Rugby e Amatori Parma – i ragazzi di Fulvio Biagioli sono rimessi al lavoro per preparare al meglio l’ultima trasferta di questo campionato in programma domenica prossima a Jesi. Si tratta di un match molto impegnativo: sia per la distanza sia per la consistenza degli avversari. I senesi recuperano il forte pilone Giovanni Bianco, appena tornato dall’Irlanda dove ha giocato questa stagione tra le fila dell’Athlone. I marchigiani infatti precedono di tre punti i senesi e conservano ancora un filo di speranza di poter acciuffare sul filo di lana Amatori Parma e di inserirsi così al terzo posto finale della graduatoria, posizione che garantisce l’accesso ai play off per la promozione in serie B.

I bianconeri, invece, sia pure per poco sono ormai tagliati fuori. I sette punti che li separano dai parmensi sono incolmabili nell’unica partita che rimane loro da disputare. Di sicuro i senesi, che vantano uno stato di forma straripante (cinque vittorie e una sconfitta di misura sul campo della capolista Cus Ferrara nelle ultime sei partite), cercheranno di issarsi al quarto posto finale della graduatoria, un risultato sicuramente soddisfacente per una neopromossa. Rimane per tutti il rimpianto di aver perduto per strada qualche punto che ora consentirebbe di cullare sogni diversi. “La classifica è sempre veritiera – taglia corto Biagioli – e si costruisce anche attraverso tanti piccoli episodi: un bonus preso per le quattro mete messe a segno, una vittoria all’ultimo minuto, tutto fa punti. E alla fine si contano quelli; noi ne abbiamo perduti qualcuno di troppo”.

Comunque sia, commenta Antonio Cinotti, “la stagione che si avvia alla fine è stata positiva sotto quasi tutti i punti di vista”. Le due vittorie di sabato scorso, contro due formazioni di grande prestigio nazionale, sono state la ciliegia sulla torta. “Al termine della partita tra la nostra under 14 e i parietà de L’Aquila Rugby – effettuata grazie al gemellaggio tra i nostri Panathlon Club – disputata su due tempi regolari e un tempo a giocatori misti, mi sono un po’ commosso, ripensando al sabato di Pasqua di due anni fa passato in furgone per portare aiuti a L’Aquila.  Lì ho conciuto Vincenzo De Masi e gli promisi non ci saremmo scordati di loro”.