Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Morelli (Cus Siena) argento in Coppa del Mondo paralimpica

Esperienza mondiale per il cussino del Togo Miawotoe

Alberto Morelli

SIENA. E’ subito podio per lo sciabolatore paralimpico del CUS Siena Alberto Morelli, che sfrutta al meglio la convocazione nella nazionale azzurra dopo una stagione che lo ha visto in continua crescita sia tecnico-fisica che motivazionale.

L’atleta cussino, componente della formazione che ha partecipato alla prova di Coppa del Mondo paralimpica disputatasi nei giorni scorsi in Polonia, a Varsavia, insieme ai compagni di  squadra Giordan e Paolucci, conquista l’Argento cedendo solo in finale alla Cina per 45-35. Dopo i preliminari l’Italia superava nei quarti il Canada, 45-26, e in semifinale la Grecia, 45-43, con il senese che contribuiva in maniera determinante a entrambe le vittorie azzurre. Per lui adesso l’obiettivo saranno i prossimi Campionati del Mondo di specialità che si terranno a Cheongju, in Corea, alla fine di settembre dove un risultato di rilievo potrebbe aprire la strada verso Tokio 2020.

A Varsavia di scena anche Matteo Betti, atleta paralimpico attuale vicecampione del mondo di fioretto, che non riesce a esprimersi al meglio, terminando anzitempo sia la prova di spada, 19°, superato dal russo Karpov, che quella di fioretto, 17°, superato dal cinese Cheng.

Nella prova a squadre gli azzurri, dopo il successo ai quarti contro la Germania per 45-35, sono stati sconfitti di misura, 45-43, in semifinale dalla Polonia. Nella finale per il terzo posto, per l’Italia è giunta la battuta d’arresto per mano della Russia col punteggio di 45-28 chiudendo così in quarta posizione la prova.

Campionati del Mondo assoluti in svolgimento a Budapest con la partecipazione dell’atleta cussino di nazionalità togolese Miawotoe Komlan Efanam, per tutti qui al CUS, Adolpho, che dopo l’esperienza dei Giochi d’Africa, nella quale aveva sfiorato l’accesso ai quarti di finale, 13°,  battuto dal giovane egiziano Hamza, n° 1 del ranking mondiale Under 20, è volato alla volta della capitale ungherese.

Ancora una bella esperienza che però lo ha visto terminare la sua corsa nelle prequalifiche che portano al tabellone principale da 64 atleti dove invece proprio il suo avversario africano ha avuto l’accesso diretto grazie a un girone iniziale senza sconfitte. Per il cussino, che ha intrapreso con buoni risultati il percorso per ottenere il diploma di Maestro di Scherma, si tratta comunque di una grande possibilità di aumentare il proprio bagaglio tecnico grazie al confronto in questi contesti con atleti e tecnici di tutte le nazionalità.

Per finire è doveroso segnalare la convocazione nello staff tecnico federale del preparatore atletico, Tommaso Marsiglietti, che parteciperà in tale veste al raduno di inizio stagione riservato ai migliori fiorettisti italiani under 20 selezionati dal Commissario Tecnico della specialità, Andrea Cipressa.