Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Batosta romana per il Cus Siena Rugby

L'UR Capitolina supera i bianconeri per 30-3

SIENA. La prima volta del CUS Siena nell’impianto della UR Capitolina ha riservato una brutta prestazione dei ragazzi di Francesco Sacrestano, una partita andata però in maniera molto diversa da quello che il risultato finale di 30-3 dice.
La partita sembrava essersi messa bene per i bianconeri che sono andati in vantaggio sul 3-0 al 9° minuto con un calcio di punizione di Gembal, dopo pochi minuti però i padroni di casa hanno realizzato la prima meta con una bella azione in velocità sui trequarti seguita da una nuova marcatura che ha portato il risultato sul 12-3 al 18° minuto.
Si è così aperta una lunga fase in cui la mischia senese ha letteralmente annichilito il pack avversario inchiodato nei propri 5 metri difensivi nonostante si giocasse su un terreno sintetico; una serie di falli in mischia ripetuti (alla fine saranno 12 consecutivi) hanno portato un cartellino giallo per un pilone avversario ma incredibilmente non una meritatissima meta tecnica.
Dal 21° al 38° minuto i padroni di casa sono quindi rimasti bloccati in difesa, sono riusciti a salvarsi in maniera fortunosa ma il CUS Siena ha chiuso la prima frazione di gioco in attacco riportandosi a pochi metri dalla linea di meta.
Dopo due soli minuti dall’intervallo l’UR Capitolina ha realizzato una nuova segnatura sfruttando nuovamente la velocità dei propri trequarti ed una difesa bianconera non sempre impeccabile.
Si è così aperta una nuova fase di attacco per i senesi che hanno nuovamente messo in crisi il pack avversario ma senza riuscire a marcare la meta; i romani hanno così incrementato il loro bottino con una punizione angolata che ha fissato il risultato sul 20-3 al 16° minuto.
Gli ultimi minuti giocati in condizioni di luce precaria hanno portato due nuove mete per i padroni di casa che hanno saputo sfruttare, a differenza dei cussini, ogni azione giocata sui trequarti ed hanno fissato il risultato sul definitivo 30-3.
In casa senese c’è poco da recriminare; i romani si sono dimostrati più cinici e con dei trequarti che, esaltati dal terreno sintetico, hanno sfruttato tutte le occasioni da meta, così non è stato per i senesi che hanno avuto un possesso molto maggiore dei padroni di casa.
Un arbitraggio sicuramente non sufficiente non deve giustificare una brutta prestazione del CUS Siena, dall’altra parte se fossero state concesse le due evidenti mete tecniche conquistate dai senesi, una per frazione di gioco, il risultato sarebbe stato comunque diverso. Chiudendo meritatamente sul 13-10 la prima frazione la partita sarebbe stata ancora aperta.
Francesco Sacrestano non è stato soddisfatto dell’atteggiamento mentale dei suoi ragazzi ed avrà la possibilità di lavorare per 3 settimane per preparare al meglio la sfida del 22 Dicembre a Parma contro il Parma 1931, una squadra gloriosa che in casa è un avversario molto difficile. 

CUS SIENA: Grazi, Buonazia, Faleri, Capresi, Viani, Gembal, Trefoloni, Peruzzi, Fusi, Interi, Landi Lomp, Carmignani (CAP) Dupré de Foresta, Tanzini, Pezzuoli A disposizione (tutti entrati): Rocchigiani, Comandi, Mezzetti, Palagi, Pacenti, Faleri, Sanniti, Rizzi T.

Risultati della domenica: Rugby Parma – Livorno 1931 13-29; Florentia – Valorugby Emilia 38-21
Lions Amaranto Li – Highlanders Formigine 33-0, Imola Rugby – Rugby Jesi 70 27-31, UR Capitolina – CUS Siena 30-3 Riposa Modena Rugby
CLASSIFICA: Florentia 29, Modena Rugby 19, Livorno Rugby 18, Rugby Jesi 18, CUS Siena 15, Lions Amaranto Livorno 14, UR Capitolina 12, Valorugby Emilia 11, Rugby Parma 9, Imola Rugby 3, Highanders Formigine 0