Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

La gente nella realtà rurale con Terranostra day

Festa dell'agriturismo con oltre 300 presenze nel Senese

SIENA. Mamme che dalla città portano le famiglie nel cuore della campagna Senese per riscoprire il verde, la natura, i piatti tipici e poveri della cucina tradizionale, i prodotti dell’agroalimentare italiano, i cibi preparati con ingredienti genuini e a km zero e, a contatto con la natura, scoprono anche il patrimonio storico e culturale della provincia di Siena. Questi gli ingredienti del “Terranostra Day”, il giorno tutto dedicato all’agriturismo promosso da Coldiretti e Campagna Amica che, nel Senese, ha visto la partecipazione di oltre 300 turisti, soprattutto romani, arrivati in agriturismo per festeggiare la Festa della Mamma. “Per i turisti è stata una straordinaria occasione per conoscere queste terre, il lavoro dell’agricoltore, lo stile di vista nel Senese e, anche, per imparare a risparmiare a tavola con la riscoperta dei piatti poveri della tradizione contadina – spiega Luca Pattaro, presidente Terranostra Siena – ma la festa dell’agriturismo è anche una eccellente vetrina di promozione turistica del nostro territorio. Con il Terranostraday le nostre strutture si promuovono e, soprattutto, “imparano” come e cosa comunicare del proprio lavoro. Anche quest’anno abbiamo aperto le porte del nostro agriturismo e il cuore delle nostre produzioni agricole: passare le vacanze in agriturismo non significa solo idromassaggio, comfort, sport all’aria aperta, ma anche cibi genuini, aria fresca, ritmi e rituali propri del lavoro agricolo. Ecco tutto questo è l’agriturismo e anche domenica abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione, ci sono persone che hanno partecipato a tutte e 4 le edizioni del Terranostraday, che il cittadino-consumatore ama entrare fin dentro le nostre realtà per scoprire dove nascono, con amore e passione, rispetto delle tradizioni e della natura, i prodotti che compongono lo straordinario paniere del Made in Siena”. La festa dell’agriturismo senese della rete Coldiretti dedicato a visite in cantina e frantoi, degustazioni con vista uliveto, escursioni, cucina tipica, dimostrazioni e corsi di cucina, picnic gustosi ha convinto molti a “tornare per la seconda volta perché ogni anno ci propongono cose nuove e credo ci sarà anche una terza” dice Silvia Pellegrino, Laura Maglioni invece racconta di essere arrivata nel Senese “perché una mia amica me ne ha parlato bene, è un’occasione per conoscere sapori genuini”; per Giovanni Prisco “è una bella giornata immersi nel verde e ci colpisce molto l’ospitalità”; per Caterina Cirmi “la bellezza è il verde, il silenzio e gli uccellini”; “arte e cultura” per Franco Ceruti; secondo anno anche per Patrizia Violante che dice: “in questa edizione la cosa più bella è stata l’abbinamento territorio – arte, in particolare la visita all’Abbazia di Monte Oliveto”; “ottima organizzazione” per Giorgio della Vedova e “un’esperienza da consigliare” per Anna Maria Schiavuzzi. “L’iniziativa ha avuto grandissimo successo perché tra i tanti progetti realizzati per i turisti arrivati nel Senese – spiega Fausto Ligas, presidente Coldiretti Siena – c’è stata, per la prima volta in Toscana, la presenza della figura del tutor della spesa per insegnare a mangiare bene risparmiando, appuntamento particolarmente apprezzato dai consumatori in questo tempo di crisi. Le realtà coinvolte, infatti, attraverso alcune figure di ‘tutor’ per tutta la giornata del Terranostra day hanno proposto idee, spunti, accorgimenti per risparmiare: dalle ricette di piatti poveri da cucinare con gli avanzi, ai consigli per una spesa consapevole, sino alla proposta di realizzare piccoli orti domestici”.