Coldiretti: 5 proposte a costo zero

Negli incontri presenta il manifesto ai candidati alle elezioni politiche

FIRENZE. In tutta la Toscana si moltiplicano gli incontri di Coldiretti con le principali forze politiche per presentare il manifesto politico dell’Organizzazione in vista delle elezioni politiche del prossimo 4 marzo.

Oggi è stata la volta di Coldiretti Firenze che ha presentato ai candidati dei collegi dell’area le “5 proposte a costo 0 per i primi 100 giorni di governo”.

Agli aspiranti senatori e parlamentari è stata sottolineata l’importanza del settore agricolo e delle connessioni con il sistema economico ad esso collegato. All’assise fiorentina sono intervenuti Stefano Mugnai, candidato per Forza Italia, Lorenzo Becattini, candidato del Partito Democratico e Sandra Gesualdi per Liberi e Uguali

“Abbiamo presentato le 5 proposte – spiega il Presidente di Coldiretti Firenze-Prato Roberto Nocentini – misure a costo zero che hanno una rilevanza decisiva, come ricomposizione delle storture della filiera, di dispiegamento del mercato in termini di apertura ed equità, infine di vigorosa accelerazione delle dinamiche virtuose commerciali e produttive. A tutti abbiamo chiesto una firma che vale un impegno sostanziale nella direzione del rafforzamento della sovranità alimentare dell’Italia in Europa e nel mondo”.

Il manifesto, che è stato proposto singolarmente a ciascun schieramento politico e che è stato sostenuto poi da tutti i candidati presenti, indica le misure che il prossimo Governo può mettere in atto per riequilibrare la filiera agroalimentare: al primo posto l’etichettatura obbligatoria per tutti i prodotti agroalimentari, attualmente inficiata dall’Unione Europea, la richiesta di istituire il ministero del cibo che accorpi risorse e funzioni del Mipaaf e quelle del Ministero per lo sviluppo economico relative all’agroalimentare. Il terzo punto è poi relativo al segreto di Stato sulle importazioni, che Coldiretti vorrebbe superato al fine di conoscere esiti di ispezioni e controlli, flussi commerciali internazionali e le loro destinazioni al mercato interno, quindi, la richiesta di semplificazione normativa e burocratica e, infine, quella di una legge sui reati agroalimentari che sanzioni in maniera efficace frodi, contraffazioni e contrasti le infiltrazioni malavitose.

Ed in vista delle prossime elezioni, oggi (27 febbraio) alle ore 10,30  a Roma, il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo incontra il segretario del Pd Matteo Renzi per presentare e discutere il manifesto politico della Coldiretti sulle proposte per l’Italia che uscirà dalle urne. Al confronto parteciperà tutta la dirigenza nazionale e territoriale. L’appuntamento si svolge nell’ambito del programma di incontri della Coldiretti con i rappresentanti dei diversi schieramenti per la presentazione e la discussione delle proposte per lo sviluppo del Paese nei primi 100 giorni di governo.