• Aquila
  • Bruco
  • Chiocciola
  • Civetta
  • Drago
  • Giraffa
  • Istrice
  • Leocorno
  • Lupa
  • Nicchio
  • Oca
  • Onda
  • Pantera
  • Selva
  • Tartuca
  • Torre
  • Valdimontone

Sinta Tantra dipingerà il drappellone dell’Assunta

Il "cencio" sarà dedicato a Giovanni Dupré

Un'opera di Sinta Tantra

SIENA. La ricorrenza del bicentenario della nascita di uno dei più grandi artisti senesi, Giovanni Duprè, costituirà il tema della parte allegorica del Drappellone del Palio del prossimo 16 agosto. Questo quanto deliberato, nella seduta odierna, dalla Giunta che ha scelto di affidarne l’incarico per la realizzazione all’artista anglo-americana, di origini balinesi, Sinta Tantra.

Nata a New York e cresciuta tra gli Stati Uniti e il Regno Unito, Tantra ha ottenuto fama per i suoi murales e le sue installazioni ed è stata autrice di varie mostre personali anche in occasione delle Olimpiadi di Londra; il suo intervento più recente è stata la pittura del ponte di Canary Wharf Group a Londra, lungo oltre 300 metri.

<<Nell’era della Brexit – commenta il sindaco Bruno Valentini – la scelta di un’artista che viene dall’Inghilterra corrisponde al desiderio di mantenere forti i legami tra il Regno Unito e la nostra città, a suggello di un legame storico e culturale che non deve affievolirsi. In questo senso, ringrazio l’ambasciatrice della Gran Bretagna, Jill Morris, grande amica di Siena, per la collaborazione che ci ha offerto nel rapporto con l’artista>>.

Con l’estro e lo slancio innovativo di Sinta Tantra, il Palio dell’Assunta renderà un tributo alla carriera e al genio di Giovanni Duprè, il quale, nel corso dell’Ottocento, a partire dall’opera in marmo “L’Abele morente” acquistata dallo Zar di Russia e oggi esposta all’Ermitage di San Pietroburgo, si impose come uno dei Maestri scultorei più apprezzati al mondo.

Il riconoscimento di Siena nei confronti del suo “figlio artista” è ben espresso nella targa posta sulla facciata della sua casa natale: “Questa umile casa ove nacque Giovanni Duprè onore dell'arte e d'Italia rammenti ai figli del popolo a che riesca la potenza del genio e della volontà”.