Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

"In city golf" per il tour un lancio mondiale da Firenze

Battesiumo ufficiale per la manifestazione nata a Cortina

FIRENZE. Arte, sport e spettacolo. Questa la magica traiettoria disegnata da “Audi In City Golf 2012”, il prestigioso evento che offrirà agli occhi del Mondo una gara altamente spettacolare, per divertirsi fra la gente, con mazze e palline, e invece del ‘green’ un teatro unico: 18 buche giocate tra monumenti celebri, giardini famosi, palazzi rinascimentali visitando anche negozi di tendenza.

Giovedì 5 aprile è previsto il ‘lancio’ dell’evento più innovativo dell’anno. Primo atto alle ore 12.30 con  la presentazione alla stampa a Palazzo Vecchio, il cuore storico di Firenze e  location di eccellenze, unito da uno speciale filo conduttore con  Cortina d’Ampezzo  dove “Audi in City Golf” è nato con un ‘lancio’  ad alta quota dal tetto della funivia Faloria alla buca della pista olimpica di bob.

Ora lo special diventa un tour e l’onore del battesimo ufficiale tocca a Firenze, con  tutta la sua originalità e la sua storia e Piazza della Signoria teatro, alle ore 14.30 del 5 aprile, del lancio mondiale. Per fare gli onori di casa sono stati invitati il sindaco Matteo Renzi e il vicesindaco Dario Nardella, ospiti il sindaco di Cortina Andrea Franceschi e la campionessa Giulia Sergas, professionista #1 del golf azzurro nel circuito americano e madrina della manifestazione. Alla Sergas e al fiorentino Lorenzo Gagli, volto nuovo dell’European Tour, il compito del primo spettacolare colpo di precisione dalla Torre di Arnolfo di Palazzo Vecchio per “imbucare” sull’ Audi Cabriolet al centro di Piazza della Signoria

Il tour “Audi In City Golf 2012” fra paesaggio e arte si apre a Cortina d’Ampezzo (13-14 luglio) col gran finale a Firenze (5-6 ottobre). Oltre ai campioni di golf, parteciperanno al torneo anche altri personaggi famosi, non solo del mondo dello  sport.

Anche il pubblico farà parte dello spettacolo e l’idea di “Sports & More” di Kurt Anrather sarà un’occasione unica per farsi coinvolgere da un’affascinante interpretazione di questo sport sempre più diffuso, capace di rompere i cliché tradizionali  e considerato “nobile fenomeno di massa”.