Allerta meteo: l’assessore Fratoni rimbecca Valentini

"Allerte utili per prevenire situazioni di rischio"

FIRENZE. “Le allerte emesse dal sistema regionale di Protezione civile servono a segnalare il verificarsi di fenomeni meteorologici che possono generare scenari di rischio. Né più né meno”. E’ il commento dell’assessora alla Protezione civile Federica Fratoni, dopo le dichiarazioni del sindaco di Siena, Bruno Valentini, che oggi (11 settembre), in riferimento alla vicenda di Livorno, pone l’accento sulla necessità di rivedere le procedure di allerta meteo e la loro frequenza.

“Si tratta di previsioni – prosegue Fratoni – che come tali comportano una variabile, ma il senso dell’allerta è quello non di creare falsi allarmismi ma di consentire alle amministrazioni e alla popolazione di prevenire, per quanto possibile, situazioni e comportamenti a rischio e gestire al meglio il verificarsi di eventuali eventi. In tal senso, un codice arancione è un codice di allerta che prevede la possibile esondazione del reticolo minore, che è quello che è successo a Livorno”.

“La Regione Toscana con la Protezione civile – conclude Fratoni – ha anche creato e distribuito una App, scaricabile sul telefonino, per Comuni e addetti ai lavori e organizzato apposite giornate informative. Mi rendo conto che il compito dei sindaci, in qualità di Autorità comunale di Protezione civile, è delicato e di grande responsabilità, ma oggi più che mai, davanti agli scenari che i cambiamenti climatici ci mettono di fronte, occorre lavorare proprio sulla cultura del rischio e della consapevolezza”.