Morto il geofisico Enzo Boschi

AREZZO. È morto a 76 anni il geofisico Enzo Boschi, nato ad Arezzo, socio dell’Accademia Nazionale dei Lincei dal 1982 e presidente dell’istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia dal 1999 al 2011. In precedenza Enzo Boschi era stato a capo dell’Istituto Nazionale di Geofisica, dal quale è nato l’Ingv. I funerali sono previsti il 24 dicembre a Bologna.

Nato il 27 febbraio 1942 ad Arezzo, Boschi è stato per un lunghissimo periodo la ‘voce’ italiana della ricerca in materia di terremoti e vulcani. E’ stato anche al centro di vicende difficili e scomode, dall’evacuazione della Garfagnana a scopo cautelativo del 1985 al terremoto de L’Aquila del 2009, da un processo per procurato allarme a un altro per avere sottovalutato il pericolo. Laureato in Fisica a Bologna, aveva proseguito gli studi in Gran Bretagna, in Francia e negli Stati Uniti. Rientrato in Italia, nel 1975 ha avuto la cattedra di Sismologia nell’Università di Bologna e nel 1982 è entrato a far parte dell’Accademia dei Lincei. Da questo periodo ha cominciato ad avere un ruolo importante nelle istituzioni scientifiche italiane: nel 1983 è diventato membro della Commissione Grandi Rischi e nel 1989 è entrato a far parte del Consiglio Nazionale Geofisico (Conag) Controllato dal ministero per l’Università e la Ricerca Scientifica e Tecnologica.