La Cgil non ritiene prioritaria la nuova pista di Peretola

FIRENZE. Ieri il Direttivo provinciale della Fiom Cgil di Firenze ha approvato l’Ordine del Giorno in cui si dice contraria alla nuova pista aereoportuale di Peretola.

L’Odg approvato:
“Visto il dibattito aperto in città in merito alla nuova pista per l’aeroporto di Peretola, che ha visto una presa di posizione decisa di Confindustria che pare mettere nella costruzione della nuova pista l’unico elemento di sviluppo possibile per il territorio, senza prendere in considerazione le ricadute sociali di questa grande opera, come non fa, peraltro, nessuno degli attori in campo; vista la necessità di ridare un protagonismo all’idea dei lavoratori, in particolare in merito alle prospettive di sviluppo sostenibile e alle necessità infrastrutturali che migliorino le loro condizioni di vita e che siano rispettosi del diritto alla salute dei lavoratori contro ogni nocività; in considerazione del fatto che non riteniamo la nuova pista un elemento prioritario per lo sviluppo della piana nel rispetto e per i lavoratori, per i quali le priorità sono ben altre, rispetto alla quale esprimiamo una contrarietà condivisa dal Direttivo e si ritiene, quindi, necessaria anche una presa di posizione da parte della Confederazione:
la Segreteria della FIOM si impegna
– a proporre ai lavoratori delle aziende metalmeccaniche della provincia di Firenze un questionario anonimo consultivo sulle necessità infrastrutturali che sul territorio siano volano di sviluppo sociale, oltreché economico, e sul Trasporto Pubblico Locale.
– si richiede, quindi, di mettere in sicurezza l’attuale pista, al fine di tutelare la sicurezza dei lavoratori, in primis, e dei passeggeri. Inoltre si chiede di utilizzare il denaro pubblico risparmiato per investire nel trasporto pubblico locale”.