Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

La Bce commissaria Banca Carige

La decisione segue le dimissioni "irrevocabili e incondizionate" di cinque consiglieri di amministrazione

BRUXELLES. La Banca Centrale Europea ha deciso il commissariamento di Banca Carige, disponendone l’amministrazione straordinaria. La decisione segue le dimissioni “irrevocabili e incondizionate” di cinque consiglieri di amministrazione della banca genovese, che hanno fatto decadere l’intero cda. I consiglieri dimissionari, il presidente Pietro Modiano, l’amministratore delegato Fabio Innocenzi, Salvatore Bragantini, Bruno Pavesi e Lucia Calvosa, hanno deciso il passo indietro dopo la bocciatura dell’aumento di capitale da 400 milioni di euro da parte dell’assemblea dei soci del 22 dicembre scorso, determinata dall’astensione del socio di maggioranza relativa, la famiglia Malacalza.

La Bce ha quindi disposto l’amministrazione straordinaria della banca. Innocenzi, Modiano e Raffaele Lener sono stati nominati commissari straordinari dell’istituto e “adotteranno tutte le decisioni necessarie per la gestione operativa della banca”, riferendone periodicamente alla vigilanza, si spiega da Carige. La Bce ha inoltre nominato un comitato di sorveglianza composto da tre membri: Gian Luca Brancadoro, Andrea Guaccero e Alessandro Zanotti. La decisione di porre la banca in amministrazione straordinaria “darà maggiore stabilità e coerenza al governo della società che, quindi, sarà ancora più efficace nel servire, grazie ai propri dipendenti, i depositanti, i clienti ed il territorio”, si sottolinea ancora.

I tre commissari straordinari proseguiranno le attività di rafforzamento patrimoniale, rilancio commerciale attraverso recupero delle quote di mercato nei segmenti core, derisking attraverso la riduzione dei non performing loan e ricerca di possibili ‘business combination’. Inoltre è in corso la stesura del piano industriale. Tra i primi atti della nuova gestione dell’istituto ci sarà anche l’avvio di riflessioni con lo Schema Volontario di Intervento del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, che ha sottoscritto circa 320 milioni di euro del bond subordinato emesso da Carige, “per rivalutare l’operazione alla luce del nuovo quadro” e per consentire il proseguimento delle attività di rafforzamento patrimoniale dell’istituto.

Per Modiano il commissariamento “semplificherà e rafforzerà la governance di Carige e di conseguenza l’esecuzione della strategia in un quadro di sana e prudente gestione”. Innocenzi, infine, sottolinea che “i vantaggi in termini di stabilità della banca si tradurranno in benefici per i clienti, i dipendenti e il territorio”. (adnkronos)