Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

E’ morto Giulio Andreotti

Aveva 94 anni. E' stato Presidente del Consiglio per sette volte

ROMA – E’ morto questa mattina alle 12,25 a Roma Giulio Andreotti. Era malato da tempo. Andreotti, nato a Roma il 14 gennaio 1919 era un politico, scrittore e giornalista italiano. È stato uno dei principali esponenti della Democrazia Cristiana, protagonista della vita politica italiana per tutta la seconda metà del XX secolo. È stato il 16º, 19º e 28º Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana. Attualmente senatore a vita, ha ricoperto più volte numerosi incarichi di governo.

Il 2 maggio 2003 è stato giudicato per concorso esterno in associazione mafiosa dalla Corte d’Appello di Palermo, la quale lo ha assolto per i fatti successivi al 1980 e ha dichiarato il non luogo a procedere per i fatti anteriori. Era stato assolto in primo grado, il 23 ottobre 1999. Nell’ultimo grado di giudizio, la II sezione penale della Corte di Cassazione ha confermato la sentenza di appello, richiamando il concetto di “concreta collaborazione” con esponenti di spicco di Cosa Nostra fino alla primavera del 1980, presente nel dispositivo di appello. Il reato “ravvisabile” non era però più perseguibile per sopravvenuta prescrizione e quindi si è dichiarato il “non luogo a procedere” nei confronti di Andreotti.