Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Arrivano gli incentivi per i veicoli elettrici

Le novità del Dl crescita

ROMA. Via libera all’incentivo per l’acquisto di tutti i veicoli elettrici, comprese le microcar, in cambio della rottamazione di vecchi mezzi di trasporto. Le commissioni Bilancio e Finanze della Camera hanno approvato un emendamento al decreto legge crescita che estende il bonus a tutte le tipologie di ciclomotori e motocicli. L’agevolazione prevede uno sconto del 30% rispetto al prezzo di vendita, fino a un massimo di 3.000 euro, per ”coloro che nell’anno 2019 acquistano, anche in locazione finanziaria e immatricolano in Italia, un veicolo elettrico o ibrido nuovo di fabbrica” appartenente a tutte le categorie ‘ciclomotori e motocicli’ (da L1e a L7e). E ancora: raddoppiano le possibilità di vincita per chi partecipa alla lotteria degli scontrini, avendo pagato con bancomat o altri strumenti digitali. Approvata infatti la proposta di modifica al decreto che porta le maggiori probabilità di vincita dall’attuale 20% al 100%. Tutti gli esercizi saranno inoltre obbligati a trasmettere i dati in via telematica, anche quelli di piccole dimensioni che oggi beneficiano di una deroga che consente loro di inviare ancora gli scontrini cartacei. Le commissioni Bilancio e Finanze della Camera hanno infatti approvato un emendamento che impone l’utilizzo degli strumenti telematici anche agli esercizi che potrebbero essere situati in zone dove non c’è copertura, concedendo 12 giorni di tempo per trasmettere i dati dei corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle entrate.
Multe fino a 5.000 euro non solo per i proprietari di case vacanza che evadono il fisco ma anche per i siti che fanno da intermediari, facendo incontrare la domanda e l’offerta, come Airbnb. Questo l’emendamento approvato, che comprende tra i responsabili in solido, rispetto agli obblighi di versamento delle imposte sui contratti di locazione di durata breve, anche ”il soggetto che esercita attività di intermediazione immobiliare tramite portali telematici”. I portali dovranno saranno anche ritenuti responsabili del versamento dell’imposta di soggiorno per i turisti.
Via libera alla proroga al 30 settembre dei versamenti legati agli Indici sintetici di affidabilità fiscale. Spostati quindi i versamenti che scadono dal 30 giugno al 30 settembre. Lo slittamento è concesso ai soggetti che ”esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale” e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito per ciascun indice”. (fonte Adnkronos)