Madrigalisti, musica ed arte senza barriere

Iniziativa del coro senese insieme ad altre associazioni del territorio. Tanti eventi in calendario

 

SIENA. Il Gruppo Polifonico Madrigalisti Senesi, diretto da Elisabetta Miraldi, partecipa al Festival Siena Città Aperta con un interessante progetto dal titolo “Musica senza barriere. I tesori nascosti della musica senese”. Il progetto prevede ogni domenica dal 19 febbraio al 19 marzo, l’apertura di una delle sedi delle Associazioni Corali della Città, locali di interesse storico artistico usualmente chiusi al pubblico e che raccolgono spesso tesori inestimabili.

Si comincia domenica 19 febbraio con l’apertura della sede dei Madrigalisti Senesi, promotori dell’iniziativa, ovvero la Cappella del Carcere di Sant’Ansano, in Castelvecchio, via San Quirico 38: alle ore 16 visita guidata da parte di uno storico dell’arte, alle ore 16.30 concerto del Gruppo Polifonico Madrigalisti Senesi (musiche rinascimentali), e a seguire musiche popolari senesi con la collaborazione e la partecipazione del Coro Uici Siena (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti).

La nostra città è ricca di storia, arte, tradizioni: che sia allora anche nei confronti delle diversità una “Siena, città aperta”: da questa idea nasce il “laboratorio musicale” che i Madrigalisti Senesi hanno avviato insieme all’Uici e che porterà alla realizzazione di un Cd in collaborazione anche con la casa Circondariale di Siena.

Il programma proseguirà domenica 26 febbraio con l’Unione Corale “Ettore Bastianini”, chiesa di Santa Margherita in Castelvecchio; 5 marzo, Polifonici Senesi, Chiesa di Fontegiusta; 12 marzo, Coro di Vico Alto, presso l’Oratorio della Santa Croce di Gerusalemme, in via Vittorio Emanuele e per concludere ancora i Madrigalisti Senesi e la cappella del carcere di Sant’Ansano domenica 19 marzo. Visita e concerto sono gratuiti.

Area degli allegati