Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

L’Università di Siena celebra il Giorno della Memoria

Lunedì 27 gennaio dalle ore 11 nell'aula magna del rettorato: ospiti il giudice della Corte costituzionale Giuliano Amato e il prefetto Armando Gradone

SIENA. In occasione del Giorno della Memoria, lunedì 27 gennaio l’Università di Siena organizza un incontro con  Giuliano Amato, giudice della Corte costituzionale, che terrà una conferenza dal titolo “Dal razzismo degli anni Trenta lo scivolo verso l’inferno”.

All’incontro, che si svolgerà nell’aula magna del palazzo del rettorato dalle 11, parteciperanno gli studenti del Liceo musicale Piccolomini e del Liceo scientifico Galileo Galilei di Siena. La conferenza sarà preceduta dai saluti del rettore dell’Ateneo, Francesco Frati, e del rappresentante della Comunità ebraica di Firenze, Roberto Orvieto, e sarà introdotta dal Prefetto di Siena, Armando Gradone. Il comitato scientifico dell’evento è costituito dal gruppo di ricerca e formazione sul diritto pubblico, europeo e comparato (Dipec, http://dipec.wp.unisi.it).

Il Giorno della Memoria, istituito in Italia dalla legge 211/2000 e riconosciuto dalle Nazioni Unite con la risoluzione 60/7, si celebra ogni anno nella data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz. La legge italiana prevede, in particolare, che nell’occasione siano organizzati “cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere”.