Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Giostra del Saracino di Sarteano, il 14 agosto “la provaccia”

Sarà una prova generale in cui i concorrenti potranno studiarsi a vicenda e affinare le rispettive strategie, in attesa della Giostra vera e propria che andrà in scena a Ferragosto

SARTEANO – Si infiamma l’estate sarteanese con l’evento principale del calendario estivo, tra le manifestazioni storiche più apprezzate della Toscana. Piazza Bargagli, il cuore della cittadina medievale di Sarteano, si trasformerà in un’arena che vedrà sfilare sul tufo i figuranti delle cinque contrade prima che la Giostra di Ferragosto stabilisca un vincitore e quattro sconfitti. Questa edizione della Giostra del Saracino di Sarteano è dedicata al vice presidente della giostra Alberto Bussotti, scomparso prematuramente lo scorso 20 luglio.

Domani, mercoledì 14 agosto, alle ore 18, si terrà la “provaccia” in cui i giostratori saggeranno il tufo e proveranno il galoppo dei loro cavalli. Sarà una prova generale in cui i concorrenti potranno studiarsi a vicenda e affinare le rispettive strategie, in attesa della Giostra vera e propria che andrà in scena a Ferragosto.

Il grande evento di giovedì 15 agosto inizia con il corteo storico a partire dalle ore 15:30, per arrivare alla partenza della gara nel tardo pomeriggio. Una importante novità dell’edizione 2019 della Giostra del Saracino è caratterizzata da i nuovi costumi che sfileranno nel corteo storico, acquistati grazie al contributo del Comune di Sarteano. Prima del calar del sole si terrà la gara tra i cinque giostratori per contendersi il maggior numero di anelli, posti sul buratto (“il tracotante Saracino”), da infilare con la lancia mentre si cavalca al galoppo il proprio destriero. 

Ecco l’ordine di estrazione delle cinque contrade, risultate dalla Tratta dei Bossoli tenutasi domenica scorsa: San Martino (bianco-celeste) con il giostratore Tony Bartoli (San Martino), Sant’Andrea (rosso-blu) con Francesco Perugini, San Bartolomeo (bianco-viola), giostratore Marco Mazzuoli, San Lorenzo (rosso-bianco) giostratore Claudio Rossi e Santissima Trinità (colori giallo-viola), giostratore Giacomo Perugini.

La Giostra del Saracino straordinaria dello scorso luglio, dedicata ai 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, era finita con la vittoria schiacciante di Tony Bartoli per San Martino, con cinque carriere su cinque. Una netta affermazione che pone il giostratore tra i favoriti anche per l’edizione di Ferragosto, ma il cui esito è tutto da decidere. La Giostra del Saracino ha una tradizione antichissima, affonda le radici nel secolo XIV, prendendo origine dagli antichi e sanguinosi tornei cavallereschi che si trasformarono poi in giochi popolari, fino a costituire un motivo dominante nella struttura operativa di tutta una comunità. Dal 1982 è tornata ad essere corsa senza interruzioni. Maggiori informazioni presso l’Ufficio Turistico della Pro Loco di Sarteano in Corso Garibaldi n. 9, telefono 0578 269204