Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Da Re Artù a Galgano Guidotti: grandi cavalieri per piccole curiosità

Il 16 febbraio si concludono i minitour indoor in Pinacoteca: terzo ed ultimo appuntamento con Scoprilarte

????????????????????????????????????

SIENA.  Non si chiamava Re Artù bensì Galgano, ed era anche lui un cavaliere. Il suo nome è legato all’affascinante leggenda della spada nella roccia ma la sua vita non ha niente a che vedere con Camelot e forse neppure con una roccia. Galgano Guidotti, la sua esistenza avventurosa e la sua spada cosa hanno a che fare con Siena! E cosa lega un cavaliere, poi divenuto Santo, ad una delle leggende più affascinanti della storia? Il terzo ed ultimo appuntamento di Scoprilarte darà risposta ad ogni piccola curiosità conducendo i bambini senesi in un viaggio tra arte e leggenda, per vivere una domenica mattina tra dame, cavalieri e storie d’altri tempi.

Dopo il divertente esordio tra “simboli e segreti” di inzio mese e l’avventuroso tour nello “zoo del Medioevo” di due settimane fa, le guide turistiche Federagit Confesercenti Siena preparano per domenica 16 febbraio un percorso nella leggenda:  attraverso il racconto della vita di Galgano Guidotti, porterà i più piccoli alla scoperta di aneddoti, curiosità e misteri “incastonati” nelle opere d’arte della Pinacoteca. L’appuntamento dal titolo “Spada o non spada” va a concludere Scoprilarte 2020, serie di appuntamenti “indoor” pensati per avvicinare, in modo divertente, i più piccoli all’arte ed alla storia.

COME PARTECIPARE A SCOPRILARTE. Il ritrovo di domenica 16 febbraio è fissato per le ore 11 in via San Pietro 29: da qui partirà il e percorso interno, al coperto. Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il 3348418736 o scrivere a federagitsiena@libero.it<mailto:federagitsiena@libero.it>. Domenica 23 febbraio, sempre in Pinacoteca, sarà volta del terzo percorso 2020 di Turisti per casa, dedicato in modo più diretto agli adulti.

Immagini allegate: Un momento di Scoprilarte del 19 gennaio  e  un particolare del “an galgano” di Bartolomeo Bulgarini  (foto Pinacoteca Nazionale di Siena su concessione del Ministero per i Beni e le attività culturali e per ll Turismo, Polo museale della Toscana)