Alcuni abitanti di via Cittadini dicono la loro

SIENA. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato dei residenti di numerosepalazzine di Via Cittadini 6-­‐36

“Noi residenti di numerose palazzine di Via Cittadini comprese tra i civici n.6-­‐36 intendiamo con la presente replicare a quanto lamentato da certi negozianti di Via Celso Cittadini 6-­‐36 in un articolo pubblicato in data 23.10.2017 su Il Cittadino On line.

La nostra sensazione è che l’unico obiettivo di tali commercianti sia quello di “alzare un polverone” tramite i mezzi di comunicazione dal momento che le loro e le nostre ragioni sono in corso di essere valutate dalla giustizia civile e, per quanto ci riguarda, riteniamo che sia quello, invece, il campo adatto per far valere i propri diritti, piuttosto che attraverso i mass-­‐media.

Noi riteniamo che le vittime di questa situazione siano tutti coloro che quotidianamente non riescono ad accedere alle proprie abitazioni e ai propri garages in quanto decine e decine di autovetture di terzi (clienti dei negozi e della coop, auto di passaggio, abitanti del vicinato, ecc.) sostano e circolano in modo selvaggio all’interno del piazzale comune ai soli comproprietari dell’area, provocando danni, causati da un uso abnorme dell’area.

I commercianti, tra l’altro, possono disporre di un parcheggio pubblico a disco orario per ben 22 posti auto, oltre a quelli per i portatori di handicap, frutto di esproprio Comunale dello stesso piazzale comune, posteggio sito esattamente di fronte ai negozi dei commercianti, a pochissimi metri. Un privilegio questo, di cui godono a Siena pochissimi commercianti!

A taluni commercianti evidentemente non basta. Essi vogliono che le auto dei loro clienti sostino anche in quel che resta del piazzale comune, anche a costo di far parcheggiare le auto in modo selvaggio, trasformando il piazzale in una specie di drive-­‐in.

La striscia di strada sita di fronte alle nostre abitazioni è diventata zona di transito e posteggio per tutti, nonostante i cartelli di divieto di accesso e sosta presenti da oltre 15 anni.

Per noi residenti, entrare ed uscire con l’auto dalle rimesse è sempre problematico, spesso impossibile, per la presenza di auto posteggiate in modo abusivo. Sovente è difficile anche entrare ed uscire dal portone di casa. Anche in caso di bisogno, è impossibile per un mezzo di soccorso raggiungere iportoni di ingresso delle abitazioni.

In una situazione davvero invivibile, la maggior parte di noi residenti insieme ad alcuni commercianti, abbiamo cercato di regolamentare accessi e parcheggi dei veicoli ai sensi di legge, trovandosi sempre a dover affrontare l’opposizione della maggioranza dei commercianti, che non paghi della giustizia civile, stanno cercando il clamore pubblico e il vittimismo, senza neppure voler prendere in considerazione il fatto che una decongestione del caotico traffico di autonel piazzale gioverebbe anche a loroed ai loro clienti.

A noi residenti, vere ed uniche vittime di questa situazione, non resta che sperare nella legge”.