La Cisl Siena interviene sulla vertenza Bassilichi

Il segretario Emanuela Anichini "Non scherziamo sul futuro dei nostri giovani"

SIENA. La Cisl di Siena, già alcuni mesi fa, aveva ipotizzato una problematica ristrutturazione dell’azienda Bassilichi Spa nel suo complesso, sollecitando la stessa a fornire in tempi ragionevoli risposte soddisfacenti in seguito anche alla presentazione di un eventuale piano industriale.

Il piano industriale risulta ancora evanescente e infatti ad oggi è stata illustrata solo una  riorganizzazione delle attività, con conseguenti incertezze occupazionali e territoriali.

Quando parliamo di territorio, senza voler essere tacciati di campanilismo, vorremmo lanciare alle controparti un messaggio per leggere più attentamente le diverse peculiarità e professionalità degli addetti nelle sedi del polo senese.

La Cisl di Siena, auspicando che si eviti una divisione socio sindacale che andrebbe a indebolire il tavolo di discussione e la rappresentanza dei lavoratori, intende riunire in unico tavolo di confronto tutte le parti sociali.

“Reputiamo necessario – afferma il segretario Emanuela Anichini – aprire una discussione Confederale inclusiva a supporto delle categorie presenti. Vogliamo sottolineare l’importante presenza di giovani senesi che lavorano all’interno di quest’azienda e che fattivamente la vivono e sulla quale confidano per un rilancio della stessa a garanzia del loro futuro e del territorio di appartenenza.  Pertanto l’auspicio è per una positiva soluzione vertenziale che non penalizzi il nostro territorio già ampiamente mortificato in altri settori lavorativi. Non scherziamo sul futuro dei nostri giovani”.