Bolletta acqua. Federconsumatori informa su tariffe e bonus

L'associazione di consumatori di Siena fa il punto sulle novità relative alla fatturazione del servizio

SIENA. Federconsumatori Siena, a seguito di un recente incontro con l’Acquedotto del Fiora, fa il punto della situazione su alcune importanti novità relative alla fatturazione del servizio.

La prima riguarda le modifiche apportate all’articolazione tariffaria per i consumi di acqua da parte dell’Autorità di settore (Arera), già presenti nelle bollette e con validità retroattiva dal 1° gennaio 2018. Rispetto alla vecchia composizione della tariffa, per il cosiddetto uso domestico residente, il primo scaglione agevolato sarà individuato moltiplicando 18 mc, individuati come quantitativo minimo vitale necessario per soddisfare annualmente i bisogni essenziali di un soggetto, per il numero dei componenti della famiglia. Nella fase iniziale di applicazione della nuova articolazione tariffaria, la normativa nazionale prevede che ogni nucleo familiare sia considerato composto da tre persone, risultando così la fascia agevolata pari a 55 mc, e così fino al 2022, termine ultimo per gli enti per potersi definitivamente regolarizzare individuando i componenti effettivi del nucleo. Ogni famiglia che abbia una composizione diversa può autocertificarla attraverso il modulo che sarà presente in bolletta o rivolgendosi direttamente al proprio ente idrico. L’autocertificazione sarà particolarmente conveniente per i nuclei familiari più numerosi al fine di ottenere fin da subito maggiori mc in tariffa agevolata.

 

Altra novità riguarda i due tipi di agevolazione per utenti domestici residenti, economicamente in difficoltà, previste da Arera: ilbonus sociale idrico (TIBSI) ed il bonus integrativo regionale. In entrambi i casi, presentando domanda al proprio Comune di residenza o ai vari CAAF convenzionati, si possono ottenere sconti sul costo della bolletta: per il bonus sociale il presupposto è il reddito ISEE non superiore a euro 8.107,50 o euro 20.000,00 quando vi siano almeno 4 figli a carico; per quello integrativo valgono le condizioni riportate sul bando che il proprio Comune di residenza pubblica annualmente. I due bonus sono cumulativi, ma attenzione alle scadenze: mentre per il primo si può presentare la domanda a far data dal 1 Luglio 2018 in poi senza termine alcuno, salvo la necessità di rinnovare annualmente la richiesta, per il secondo occorre verificare le tempistiche stabilite nel bando del proprio Comune.

 

Federconsumatori rimane a disposizione con i propri sportelli di Siena, Le Scotte, Poggibonsi, Montepulciano e Sinalunga per ogni ulteriore informazione, cogliendo l’occasione per ricordare anche l’esistenza con l’Acquedotto del Fiora di un protocollo per la conciliazione paritetica, sede nella quale è possibile risolvere svariate controversie venutesi a creare con il Gestore.