Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Riparte il corso per chi vuole fare il pizzaiolo

Prende il via il sesto percorso di formazione, promosso da Saiter Confcommercio Siena, per diventare pizzaioli qualificati

SIENA. A fine febbraio prende il via il nuovo corso per chi vuole fare il pizzaiolo. Lezioni al via il 29 febbraio per questo percorso formativo che conduce ad una professione tra le più richieste dal mercato del lavoro attuale.

A tutti i corsisti sarà regalata da Confcommercio l’iscrizione gratuita al corso obbligatorio in materia di igiene alimentare (HACCP). Non solo. Ai partecipanti interessati all’apertura di una nuova attività sarà offerta la prima consulenza gratuita sullo start-up d’impresa, condotta da un professionista esperto.

“A ottobre scorso abbiamo diplomato nove pizzaioli pronti per il lavoro – dice Cristina Petri, direttore Saiter Confcommercio Siena –In questa sesta edizione  continueremo ad offrire ai nostri corsisi uno spazio di esperienza che unisce l’approfondimento teorico alla elaborazione pratica. Altro elemento centrale, l’incontro con il mondo del lavoro che rappresenta uno degli elementi chiave delle nostre proposte formative consapevoli delle esigenze formative e della domanda del mercato”.
La sesta edizione del corso pizzaioli, come già le precedenti, si svilupperà su un arco di 40 ore di lezione. A chi avrà  svolto almeno il 70% delle ore sarà rilasciato l’attestato di frequenza.

“Il pizzaiolo – fa notare Petri – è una professione che continua ad avere buone possibilità di impiego, sia nelle strutture che in proprio. Chi desidera lavorare nel mondo della pizza, non può perdere questa interessante opportunità”.

Cosa studiano i pizzaioli Con la guida del maestro istruttore Giuseppe Stufani sarà possibile conoscere la storia di un piatto unico come la pizza, la scelta dei giusti ingredienti e l’utilizzo dell’attrezzature per preparare una pizza di qualità. Tra le materie che gli aspiranti pizzaioli studieranno c’è la “Storia della pizza”, ovvero le origini, la pizza nel mondo nell’attualità di oggi, il consumo. Poi studieranno “Organizzazione della pizzeria” in cui potranno conoscere meglio l’ambiente di lavoro, l’organizzazione della produzione, acquisti e magazzinaggio. Ed ancora, “Uso e manutenzione delle attrezzature di laboratorio” ovvero i forni, impastatrici, attrezzare e manutenzione degli stessi. Non potevano mancare “Ingredienti e prodotti” con lo studio delle farine, dei semilavorati, dei mix, del pomodoro e degli ingredienti. Fondamentali per chi vuole fare il pizzaiolo “Tecniche per l’impasto”, sia nella modalità “diretto a breve” che “ diretto maturato a 24 h” e “indiretto”, e “Tecniche di lavorazione” ovvero stesura a mano dei dischi di pizza, tecnica di infornata, rotazione della pizza in forno e tecniche di sfornata. Per fare bene la pizza è importante conoscere bene anche “Gli ingredienti che compongono l’impasto” ovvero l’’acqua e le sue proprietà, la farina, il lievito, il sale e l’0lio extravergine di Oliva. Per concludere, “Tecniche di cottura”, con  esercitazioni pratiche con forno a legna, e “Ricette di elaborazioni”  ovvero farciture classiche da disciplinare internazionale, farciture speciali, farciture con prodotti tipici del territorio, pizze dolci, esercitazioni pratiche.

 

Come fare domanda. Per informazioni e iscrizioni è possibile contattare Saiter a Siena – Nicoletta Milano – 0577/248855, mandare un fax allo 0577/223188 o scrivere e-mail a nmilano@confcommercio.siena.it. Tutte le info sono anche nella pagina Fb di Confcommercio Siena

Allegata: foto della prova finale del quinto corso per pizzaioli promosso da Saiter