Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

La scoperta dell’Italia

Con il pensiero rivolto al nuovo provveditore...

Giotto-Annunciazione-Cappella-degli-Scrovegli-Padovadi Silvana Biasutti

SIENA. Serve andare fino a Milano per scoprire l’Italia? Non quella masticata dalla politica, ma quella – imperfetta e bellissima – che i guasti dell’arrivismo, le mafie, la corruzione (e la conseguente tolleranza delle infinite disonestà ‘tipiche’, piccole e grandi) hanno appannato e ciancicato ormai anche nell’immaginario dell’ahimè universo mondo. Serve, sì, se si va a incontrare uno che l’ha descritta come sublime fusione di pensieri, gesti e paesaggio, senza soluzione di continuità tra essi e usando la luce per illuminare la passione che emanano i volti (“… e ora ha Giotto il grido …”).

Non serve se non si ha chiaro negli occhi e nella mente il capitale che viene quotidianamente sciupato – dagli italiani – e se non se ne comprende il valore immenso (sì, anche economico, ma dopo tutto il resto!).

Andare fino a Milano (non c’è solo Expo) può servire anche per constatare che conoscenza, esperienza e conseguente competenza (in luogo della tessera di un partito) restituiscono allo sguardo e alla mente terra e gente che uno ha vissuto dal vivo, incontrato e camminato quotidianamente, sapendo che sono lì, ma rischiano di sciogliersi come neve al sole di questa estate torrida e crudele. Visiti “Giotto, l’Italia”, a Palazzo Reale e ti viene in mente la sistemazione dei capolavori nella Pinacoteca Nazionale a Siena, o gli strattonamenti della politica per il complesso del Santa Maria della Scala, il cui messaggio – oggi di drammaticamente rinnovata attualità – è annichilito da meri interessi di business (o almeno così pare).

Poi leggo su un quotidiano una ‘cartolina’ di Franco Arminio – “A settembre si smontano i paesi” – e il patrimonio che tralasciamo diventa immane e quasi inafferrabile, e si è colti da sgomento per il paradossale sciupio di energia, di bellezza (e, sì, anche di denaro!) costituito da comuni, frazioni e frazioncine che formano un tesoro disseminato – provinciale, regionale, nazionale – che anziché essere posti così come sono all’attenzione dei privilegiati intelligenti assetati di bellezza (non-solo-vino-e-nemmeno-solo-pecorino), sono stati e sono ancora (nonostante alcune lodevoli eccezioni e prese di consapevolezza) terra dove si immagina di tutto, fuorché ciò che asseconderebbe la loro ‘valorizzazione’; ‘valorizzazione’ pensata ancora come sfruttamento da parte di pochissimi che magari stanno altrove, a svantaggio delle comunità che vivono nei luoghi.

Arminio, un materano (se non erro) che si sta dedicando a ripopolare una rete di piccoli villaggi nei suoi luoghi, scrive dello smontaggio, a fine stagione, di banchetti e gazebo che hanno ospitato fiere e kermesse, sagre e notti più o meno bianche dando vita a una girandola estiva a uso di un turismo che sniffa l’aroma di porchetta e usma la tipicità nel bicchiere. Egli non mi pare sia poi così critico nei confronti di questi succedanei di feste e festival più paludati e meno gastro-orientati, tuttavia sottolinea come i piccoli paesi d’Italia – come un’impuntura che tiene insieme il tessuto del paese – non possono essere (modo indicativo) lasciati “ai fasti della desolazione” delle stagioni meno turistiche, meno calde, meno (apparentemente) suggestive. E scrive che non si riesce a farne “una questione politica” (però mi vengono i brividi pensando a cosa potrebbe inventarsi in merito una certa politica); chiude poi la sua ‘cartolina’ rivelando che quest’ultima estate ha segnato tracce più profonde e che molti giovani hanno “capito che è il caso di tornare ai paesi o di tentare di non andare via”. Spero che questa sua conclusione sia esatta, ma in ogni caso la sua cartolina ha lasciato una traccia in me e io – nel mio minuscolo piccolo – ne scrivo, avendo in mente una bella porzione del patrimonio evocato, avendo ben presente quale risorsa esso sia – quasi sempre ancora incompresa – e quale capacità esso abbia di attrarre sguardi interessanti (e non solo interessati) per fare in modo che ogni villaggio, ogni frazione torni a essere un insediamento umano, in modo contemporaneo; e quale potenziale in termini di creazione di lavoro sarebbe “restaurare” tutto ciò che merita di esserlo.

Pensiamoci ora, anziché piangere su Palmira, altrimenti l’Isis siamo noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *