Piccini: “La scelta di Lega Italica conferma il nostro profilo civico”

"Rotti gli schemi della politica tradizionale” scrive l'ex candidato a sindaco ed aggiunge "La Lista Per Siena si basa solo su un programma costruito pazientemente"

SIENA. Il gruppo della Lega Italica, composto da fuoriusciti della Lega (intesa come movimento nazionale), halasciato Sena Civitas e scelto di appoggiare Per Siena al ballottaggio del 24 giugno. Una decisione che conferma il profilo ormai prevalentemente civico della nostra coalizione. Siamo riusciti a frantumare i vecchi confini della politica creando un fronte larghissimo. Gli esponenti della Lega Italica lamentano invece che, dall’altra parte, il “civismo è dominato ancora dal Mussari – vedi amici della Birreria – quindi non ci stupiamo”.

Come dice bene Lega Italica, i due raggruppamenti “civici di area progressista hanno messo in minoranza il PD e questa è la più grossa novità sullo scenario politico senese”. L’opzione da preferire, per Lega Italica,è un civismo puro e “una governabilità palese e sostanziale”. Il riferimento a Mussari di Lega Italica conferma come, dietro a De Mossi, si nasconda quel gruppo di potere che tanto male ha fatto alla città, riunito nell’associazione della birreria di piazza del Campo. De Mossi ha addirittura in programma un aperitivo proprio in quel locale.

La Lista Per Siena si basa solo su un programma costruito pazientemente, frutto di mesi di incontri in ogni via di Siena, e sull’entusiasmo di un gruppo di persone che hanno lavorato tanto per produrre un risultato incredibile: per la prima volta una lista civica supera il partito egemone nella città. L’unica vera rivoluzione che si respira a Siena.