Mps cederà l’information tecnology entro gennaio?

Interessati all'It anche fondi di private equity

SIENA. Secondo quanto riporta Finanza Report Mps “sarebbe ormai pronta a cedere la piattaforma di servizi di Information Technology dopo aver riscontrato l’interesse di numerosi soggetti”. Addirittura potrebbe decidere entro la fine di gennaio, dato che sarebbe già in corso una due diligence e l’obiettivo dell’advisor PwC sarebbe quello di raccogliere le offerte non preliminari, bensì vincolanti alla fine del mese. “Del resto – scrive ancora Finanza Report – l’operazione, dal valore di 500 milioni di euro secondo le indiscrezioni, rientra in uno scenario in rapida evoluzione che potrebbe scatenare l’appetito di numerose realtà: le banche sono infatti chiamate a razionalizzare le proprie attività partendo proprio da business non certo core come la gestione dei sistemi informatici, già oggi dati per lo più in outsourcing e in futuro destinati a diventare del tutto esterni ai perimetri tradizionali”. 

Ai servizi IT del settore bancario sarebbero interessati anche fondi di private equity. Per Mps si parla dei fondi inglesi Apax con la sua controllata Engineering e Bc Partners con Ibm, peraltro molto attiva anche su Carige. Nelle scorse settimane si era parlato di Cedacri con il sostegno finanziario del Fondo Strategico Italiano.