Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Cremaschi gufa il PD di Torino

La vicenda Fiat potrebbe "punire" il partito

SIENA. “Penso che sia giusto che il Partito Democratico sia punito da elettori e lavoratori. Il come non sta a me dirlo, perché faccio un altro mestiere, ma da cittadino me lo augurerei”. Lo sostiene Giorgio Cremaschi, presidente del comitato centrale della Fiom a margine di una conferenza tenuta all’università di Siena parlando con i giornalisti dei riflessi che la vicenda Fiat potrà provocare alle elezioni comunali a Torino nel partito democratico. “In conseguenza della vicenda Fiat – ha aggiunto – il Pd ha perso enormemente seguito. E’ un partito che non capisce che l’attacco di Marchionne è un attacco alla democrazia, più insidioso persino di quello di Berlusconi. Se un partito che si chiama democratico non ha la forza per reagire è chiaro che perde consensi”.