Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

ChiantiBanca e Fidi Toscana a sostegno del settore agricolo

I finanziamenti saranno chirografari a 5 e a 7 anni e ipotecari a 10 e 15 anni con spread che vanno dal 2,50% al 3,95% con il costo della garanzia compreso.

MONTERIGGIONI. Un nuovo sostegno al settore dell’agricoltura toscana, grazie a un accordo fra ChiantiBanca e Fidi Toscana.

Garanzia Compresa Agricoltura è un prodotto innovativo finalizzato ad incentivare lo sviluppo e il rilancio delle imprese agricole del territorio regionale.

ChiantiBanca mette a disposizione del settore finanziamenti per il capitale circolante e per i nuovi investimenti avvalendosi della preziosa collaborazione della finanziaria regionale da sempre a fianco delle imprese toscane.

I finanziamenti saranno chirografari a 5 anni e a 7 anni e ipotecari a 10 e 15 anni con tassi molto vantaggiosi per le imprese con spread che vanno dal 2,50% al 3,95% con il costo della garanzia già compreso.

“Anche con questa nuova iniziativa – sottolinea il Direttore Generale di Fidi Toscana Italo Romano – Fidi Toscana manifesta la propria capacità innovatrice a sostegno del futuro delle imprese toscane”. “Grazie alla partnership strategica con ChiantiBanca le imprese agricole toscane accederanno più facilmente al credito senza pagare direttamente il costo della garanzia”.

“Sono particolarmente felice di presentare questo accordo perché rappresenta ciò che vogliamo rappresentare per il sistema economico regionale da ora in poi. Fidi ha avviato un nuovo corso – conclude Romano – e si candida infatti a intercettare in maniera dinamica le esigenze delle aziende toscane che si devono confrontare necessariamente con un quadro economico complesso e complicato”.

Dando alcuni numeri, il direttore generale di ChiantiBanca Andrea Bianchi ricorda che “il credito erogato da ChiantiBanca alle aziende agricole e alimentari ha superato, nel 2015, i 150 milioni di euro, per un totale di quasi 1.800 aziende clienti servite”.

“Una banca toscana in terra di Toscana – conclude Bianchi – non può non avere, fra i suoi punti di riferimento, quello delle eccellenze agro-alimentari: il sostegno alle imprese che operano in questo settore è infatti uno dei cardini della nostra attività”.