Borghi (LN): “Su Mps ed Etruria indecente scaricabarile”

L'economista attacca Renzi ed il suo tentativo di tirarsene fuori

FIRENZE. “Va bene che Renzi ci ha abituato a sfacciataggini oltre l’umano ma sulle banche sta passando ogni limite” Lo afferma Claudio Borghi Aquilini, responsabile economico della Lega e consigliere in Regione Toscana.

“Renzi è quello che ha recepito la normativa del Bail-in e prima ancora che entrasse in vigore ha azzerato con un decreto criminale migliaia di risparmiatori. La sua delfina Boschi aveva il padre vicepresidente di Banca Etruria. Il suo partito, il PD, ha lasciato distruggere la banca più antica e bella del mondo, il Monte dei Paschi di Siena, dopo averlo munto come una mucca. Sempre il PD ha piazzato Fanfani, l’avvocato di Banca Etruria al CSM e sempre Renzi adesso gongola per l’audizione del PM di Arezzo che lui stesso aveva nominato come consulente di Palazzo Chigi per gli affari giuridici? Nessuna vergogna? Bankitalia ha colpe gravissime ma il tentativo di chiamarsi fuori dalle responsabilità sulle banche di Renzi e del PD è grottesco. Con la Lega al Governo, conclude Borghi Aquilini, ball in abolito, risparmi tutelati come da Costituzione, Bankitalia sotto controllo pubblico e accertamenti veri per le responsabilità di questo disastro”