Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Tornano ad esibirsi i “Siena Jazz Masters”: due concerti in Piazza Provenzano

Mercoledì 1 e giovedì 2 agosto, alle ore 21.30 ad ingresso gratuito, prosegue la stagione concertistica che affianca la 48esima edizione dei seminari internazionali di Siena Jazz

SIENA.  Due appuntamenti da non perdere quelli del 1 e 2 agosto quando a Siena, nella magia di Piazza Provenzano, tornano ad esibirsi i “Siena Jazz Masters” in due concerti unici, pensati solo per il calendario senese.

Con una formula originale che da anni rende esclusivo il cartellone di Siena Jazz, i grandi maestri che danno vita ai seminari si esibiranno in formazioni estemporanee: si comincia DOMANI mercoledì 1 agosto con uno spettacolo che sarà aperto da una rappresentanza dei migliori studenti del Conservatorio di Amsterdam con il docente Ian Cleaver (tromba) come leader della formazione. Gli studenti sono: Jasper Bloom (sax tenore), Tijs Klaassen (contrabbasso) e Wouter Kühne (batteria).

Il secondo set invece vede riuniti Susanne Abbuehl (voce), Maurizio Giammarco (sassofono), Phil Markowitz (pianoforte), Ben Street (contrabbasso) e Jeff Ballard (batteria).

Giovedì 2 agosto ancora “Siena Jazz Masters” per un nuovo concerto che in apertura propone la formazione con Jen Shyu (voce), Shane Endsley (tromba), David Binney (sassofono), Nir Felder (chitarra), Chris Tordini (contrabbasso) e Fabrizio Sferra (batteria), cui seguirà il set che vede protagonisti Giovanni Falzone (tromba), Ben Wendel (sassofono), Kenny Werner, pianoforte; Lage Lund (chitarra), Paolino Dalla Porta (contrabbasso) e Jeff Ballard (batteria).

Con 34 docenti internazionali tra i migliori musicisti del mondo e 115 allievi (ovvero il massimo di posti disponibili) provenienti da 18 diverse nazioni, la 48esima edizione dei seminari internazionali estivi di Siena Jazz offre un’esperienza formativa e culturale unica: due settimane all’insegna del “fare musica” condividendo esperienze, confrontando linguaggi musicali e armonizzando le culture di paesi diversi, il tutto all’interno di una organizzazione della didattica innovativa che conferma la prestigiosa istituzione senese come eccellenza europea nell’alta formazione musicale.