Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

"RIII": Riccardo III secondo Gassman

L'attore vuole "colpire al cuore, emozionare e coinvolgere il pubblico"

SIENA. Intrighi, sospetti, tradimenti e menzogne per la conquista e il mantenimento del potere: questi i temi del “Riccardo III”, in programma al Teatro dei Rinnovati dal 19 al 21 marzo prossimi, con inizio alle 21.15.

Attingendo dalla tetralogia minore di Shakespeare sulla storia inglese, composta alla fine del XVI secolo, Alessandro Gassman, regista e attore principale, costruisce una scenografia fortemente legata e complementare alla traduzione e all’adattamento di Vitaliano Trevisan, per una restituzione moderna e originale, quanto accurata e rispettosa, dei testi originali.

“Ci siamo trovati concordi – ha affermato Gassman – nell’idea di trasmettere i molteplici significati di questo capolavoro attraverso una struttura lessicale diretta, che liberasse l’opera da ragnatele linguistiche e ne restituisse tutta la complessità, la forza, la bellezza e la sua straordinaria attualità”.

Con le interpretazioni di Mauro Marino, Giacomo Rosselli, Manrico Gammarota, Emanuele Maria Basso, Sabrina Knaflitz, Marco Cavicchioli, Marta Richeldi, Sergio Meogrossi e Paila Pavese, voce di noti personaggi di cartoni animati e film di animazione, nei panni della duchessa di York, la produzione Teatro Stabile del Veneto e Teatro Stabile di Torino – Società per Attori, con la partecipazione di “LuganoInScena, si avvale dei contributi di Gianluca Amodio (scene), di Mariano Tufano (costumi), di Pivio & Aldo De Scalzi (musiche originali) e di Marco Schiavoni (videografia).

Ingigantito nelle forme e caricato nel furore, questo Riccardo III sprigiona, contemporaneamente, grandezza e decadenza, deformità e bellezza, nel suo percorso di violenza e follia “e la sua feroce brama di potere – aggiunge Gassman -, la sua follia omicida e la sua diversità dovranno colpire al cuore, emozionare e coinvolgere il pubblico di oggi, trasportandolo in un viaggio affascinante e tragico, attraverso le pieghe oscure dell’animo umano”.

I biglietti sono disponibili soltanto in vendita diretta, da lunedì 18, in orario 17/20, e nei tre giorni della messa in scena, a partire dalle ore 16. In questi stessi giorni e orari, possibili anche le prenotazioni telefoniche allo 0577 292265; per i diversamente abili, aperta la biglietteria nel Cortile del Podestà.