Prima nazionale per “Etymos”: coproduzione Motus Fondazione Orizzonti

Giovedì 9 Agosto 2018 la Compagnia Motus presenta l’ultima produzione al Festival di Chiusi

CHIUSI.  Giovedì 9 Agosto alle ore 21:45 debutta in prima assoluta sul palco del Festival Orizzonti d’Arte lo spettacolo “ETYMOS”, una co-produzione MOTUS/Fondazione Orizzonti d’Arte, realizzata con il sostegno della Regione Toscana.

Lo spettacolo affronta la tematica del linguaggio come strumento di percezione del mondo, in una società contemporanea che si muove verso l’estrema semplificazione, nella quale c’è il rischio che vada perduto il vero significato delle parole, quello che, al di là della forma, ne esprime la sostanza. 
I linguisti ci insegnano che le forme del linguaggio plasmano le forme del pensiero, di conseguenza l’omologazione del linguaggio sempre più diffusa nel mondo contemporaneo è un riflesso dell’omologazione culturale che genera appiattimento delle differenze. Ma se il linguaggio e le parole hanno un ruolo così profondo nella vita del singolo individuo, ne hanno uno ancora più importante quando il contesto diventa pubblico. Le parole rendono il pensiero simile a se stesse. Se parlo in modo distruttivo, distruggo; se parlo in modo costruttivo, costruisco. Se uso un linguaggio violento, rendo il mondo un po’ più violento; se uso un linguaggio critico ma dialogante, rendo il mondo un po’ più critico e dialogante.
Perciò ognuno è responsabile delle parole che dice, sia in privato che in pubblico. Se poi a dirle sono persone che hanno un ruolo e un peso, la responsabilità è ancora più grande.
Le coreografie, su musiche di autori vari, sono realizzate da Simona Cieri che cura la regia con la sorella Rosanna Cieri, e sono interpretate da Andrè Alma, Martina Agricoli, Ilaria Fratantuono, Roberta Morello, Andrea Stabilini e Mattia Solano.
Lo spettacolo sarà presentato nella suggestiva Piazza Duomo di Chiusi all’interno della sedicesima edizione del Festival Orizzonti che si terrà a Chiusi dal 5 al 12 Agosto.