Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

“Ma noi chi siamo?”: la risposta nelle opere di Alessandra Zini

Dal 14 febbraio al 1° marzo l'esposizione visitabile presso la Galleria Olmastroni

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

SIENA.  “Ma noi chi siamo?”: è questo il titolo della mostra di Alessandra Zini ospitata, dal 14 febbraio al 1° marzo, alla Galleria Cesare Olmastroni (via di Città, 75). 

“Il mio progetto – come spiega l’artista emiliana – si sviluppa su diverse forme espressive imprescindibili tra loro: digitalart, scultura e pittura, legate insieme dal tema dell’ambiente, per un totale di 35 opere. Ho scelto questa tematica per analizzare in modo più profondo il rapporto e l’influenza che l’essere umano ha con esso arrivando a comprendere la potenza e la miseria dell’uomo stesso. Un percorso a tre velocità: minuzioso e veritiero con la tecnica della digitalart, elegante e leggero con la pittura di figure che non sembrano pericolose, fino alla scultura dove tutto diventa più immobile ed eterno, ma le ombre sul muro ci ricordano che possono ancora agire e continuare la loro azione”. E proprio le ombre sono da sempre la passione di Zini che danno vita a figure in continua trasformazione con differenti materiali in una vera e propria lotta tra bianco e nero per arrivare alla fine a sostenersi a vicenda. Al blu di Prussia è concesso ogni tanto di intrufolarsi in questo “viaggio che continua perché le ombre la seguono sempre”. La mostra, a ingresso libero, resterà aperta tutti i giorni con orario 15.30-18.30.

Alessandra Zini: nata a Reggio Emilia, si diploma all’Istituto d’Arte del capoluogo ed in seguito presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Durante gli anni accademici vince il 1° premio “ Belle Arti: tendenze artistiche emergenti” e successivamente finalista per due edizioni “Premio Arte” Giorgio Mondadori editore. Alessandra espone le sue opere ad ImmaginaArte di Reggio Emilia, Galleria Art Point Black di Firenze, Art Expo Di New York City, Galleria Maragall Edicions di Barcellona. Si unisce ad un collettivo di artisti che gestisce lo Spazio d’Arte “Ateliersviaduegobbitre” in un antico palazzo nel centro storico di Reggio Emilia, dove organizzano regolari mostre d’arte con numerosi artisti italiani e stranieri.