La Valigia Digitale: StARTers con Daniela Neri

Il progetto che verrà presentato dalla fotografa raccoglie le storie e le esperienze di vita dei migranti venuti in Italia attraverso le loro foto, video e audio

SIENA.  Martedì 7 novembre 2017, Via Tommaso Pendola 37, Siena. Il Siena Art Institute Onlus apre le sue porte per un nuovo appuntamento del ciclo StARTers – Assaggi d’Arte, conversazioni pubbliche con esponenti della cultura contemporanea italiana e internazionale. Protagonista dell’incontro sarà la fotografa Daniela Neri, ideatrice del progetto La Valigia Digitale che raccoglie le storie e le esperienze di vita dei migranti venuti in Italia attraverso le loro foto, video e registrazioni audio. La serata si concluderà con un aperitivo.

Tutto è cominciato con Alì. Alì è un ragazzo pakistano che vive e lavora a Siena ormai da qualche anno. Dopo aver raggiunto l’Italia dalla Libia su un’imbarcazione di fortuna, Alì ha ottenuto un permesso umanitario dal governo per la difficile situazione in cui si trovava nel paese di provenienza.

Un giorno Alì condivide i materiali video, audio e visuali raccolti nel corso del suo viaggio verso l’Italia con il sound artist Giulio Aldinucci e la fotografa Daniela Neri: è l’inizio di una collaborazione da cui nascerà il progetto La Valigia Digitale.

Attraverso l’analisi delle storie di vita contenute nelle sim dei telefoni e nei profili social di rifugiati e richiedenti asilo, La Valigia Digitale mette in discussione le identità preconfezionate che, nelle società europee, sono attribuite ai migranti da discorsi pubblici, media e immaginario collettivo. Il risultato è un’installazione audio-visuale che unisce il lavoro dei due artisti e il bagaglio esperienziale dei migranti che hanno accettato di partecipare al progetto.

Appuntamento dunque a martedì 7 novembre alle 18.00 presso il Siena Art Institute in Via Tommaso Pendola 37, Siena, per un incontro pubblico del ciclo StARTers – Assaggi d’Arte con Daniela Neri. La serata si concluderà con un aperitivo offerto dal Siena Art Institute.

INCONTRO IN INGLESE

INGRESSO LIBERO